Rinascimento

Guglielmo ebreo da Pesaro e la danza nel Quattocento, nelle corti rinascimentali

Personaggi e Storie

di Maria Luisa Moscati Benigni
Il bel danzar, che con virtù s’acquista, per dar piacer all’anima gentile, conforta il cuor e fal più signorile, e porge con dolcezza allegra vista
Con questi versi inizia il trattato De practica seu arte tripudii vulgare opusculum, di Guglielmo ebreo da Pesaro, maestro di danza, un vero e proprio trattato tecnico in cui i principi estetici sono chiaramente espressi: la danza diventa arte e scienza.

'Il Bar Mizva di Gesù' di Ludovico Mazzolino esposto al Mesi nella mostra 'Il Rinascimento parla ebraico'

Apre al MEIS la mostra ‘Il Rinascimento parla ebraico’

Eventi

di Fiona Diwan
Aperta fino al 15 settembre, la mostra, a cura di Giulio Busi e Silvana Greco, approfondisce, con opere d’arte e documenti di grande valore, l’importanza della presenza ebraica nel corpo vivo dell’Umanesimo e del Rinascimento italiani.