Il Trono di Game of Thrones (Trono di spade in italiano)

Game of Thrones: i 7 fatti che collegano la serie tv all’universo ebraico

Spettacolo

di Paolo Castellano

Il Trono di Game of Thrones (Trono di spade in italiano)Se l’estate è arrivata significa che l’inverno sta arrivando! Non si tratta di schizofrenia ma del celebre motto della serie Game of Thrones. Quest’anno debutterà la settima stagione e milioni di fan in queste ore si godranno il primo episodio davanti alle loro tv.

Il Trono di spade, che è basato sui libri di George R.R. Martin, è ricco di riferimenti e simboli religiosi ma segnaliamo che non c’è nessun elemento ebraico esplicito nella sceneggiatura. Questo però non vuol dire nulla. Come riporta Jta News è infatti possibile tracciare un collegamento tra ebraismo e Game of Thrones a partire dall’identità ebraica degli autori della serie tv. Vediamo allora cosa accomuna il Trono di spade all’universo ebraico.

I due autori della serie tv sono entrambi ebrei

Gli scrittori David Beninoff e D.B. Weiss si sono incontrati quando studiavano letteratura al Trinity College di Dublino nel 1995 – e , secondo Weiss hanno stretto amicizia perché erano “due ebrei americani a Dublino senza nessuna radice irlandese”.  Beninoff, all’anagrafe David Friedman (ha usato il cognome della madre per differenziarsi dall’omonimo David Friedmans, attuale ambasciatore americano in Israele), è il figlio di Stephen Friedman, il precedente capo della Federal Reserve di New York, una delle sedi della banca centrale degli Stati Uniti. Weiss, che è cresciuto a Chicago, ha lavorato per anni come assistente personale a Hollywood. Dal 2001 Beninoff ha gustato il successo con il suo romanzo La venticinquesima ora e Weiss ha lavorato su alcune sceneggiature del libro per la versione cinematografica. Nell’aprile del 2011, il loro adattamento del Trono di Spade è stato acclamato dalla critica e la loro carriera è decollata come i draghi della serie tv.

George R.R. Martin è stato influenzato da un autore ebreo-francese

Martin ha scritto che è un grandissimo fan dell’autore francese di romanzi storici Maurice Druon che ha creato la serie I re maledetti, che ha messo in fiction la Guerra dei Cent’anni mettendo in scena le battaglie tra la Francia e l’Inghilterra nel periodo tra il 1337 e il 1453. «Penso che Druon sia il miglior romanziere di libri storici di Francia dopo Alexandre Dumas», ha scritto Martin nel 2013 sul quotidiano inglese Guardian. «Che voi siate appassionati di storia o di fantasy, l’epica di Druon vi terrà incollati alle pagine: è l’originale Trono di spade». L’introverso Druon, che morì nel 2009 a 91 anni, fu un membro della Academie Francaise e fu ministro della cultura francese per un anno nel 1970. Figlio di immigrati russi-ebrei fece anche la resistenza contro i nazisti.

Due attori israeliani sono apparsi nella serie

Come hanno osservato molti giornali ebraici, Ania Bukstein e Yousef Sweid hanno fatto una breve apparizione nella sesta stagione. Bukstein, che è anche una cantante e modella, ha interpretato Kinvara – una sacerdotessa rossa al servizio del Dio della Luce, che supporta la rivendicazione del trono di ferro da parte della principessa Daenerys Targaryen nel quinto episodio. Sweid, un arabo-israeliano di Haifa che ha recitato anche nella serie tv Homeland, si è calato nei panni di uno schiavo della città-stato di Mereen.

Due attori del Trono di Spade hanno fatto da testimonial per l’azienda israeliana SodaStream

Recentemente, Hodor (nella realtà Kristian Nairin) è comparso in una pubblicità della nota azienda di bibite israeliana. Narin ha interpretato il ruolo di un uomo primitivo che trasporta delle casse d’acqua e che non conosce il progresso dei gasatori della Sodastream.

Narin è il secondo corpulento attore di Game of Thrones a fare uno spot per la SodaStream, che ha ricevuto molte critiche alcuni anni fa per aver aperto una sede nella West Bank (chiusa nel 2015). Nella primavera del 2016, l’enorme e muscoloso attore islandese Hafthór Björnsson, che nella serie interpreta Ser Gregor Clegane, meglio conosciuto col vibrante soprannome “La Montagna”, è apparso in una pubblicità su Youtube promuovendo le “frizzanti bollicine”. Lo spot era stato concepito come pesce d’aprile. «Sono sempre aperto a nuove tecniche d’allenamento, ma devo ammettere che trasportare le casse d’acqua dal supermercato a casa è una fatica inutile», la battuta di Björnsson nella pubblicità della SodaStream.

La serie tv ha ispirato un libro per ragazzi ebrei sul Natale

Mentre stavano facendo shopping per Hanukkah a Belfast, le attrici Amanda Peet e Andrea Troyer hanno avuto l’idea di scrivere Caro Babbo Natale, con amore, Rachel Rosenstein che affronta il tema dell’esclusione digitale che molti ebrei percepiscono quando arriva il 25 dicembre. Cosa ci facevano le due autrici a Belfast? Mogli dei due autori del Trono di Spade, la coppia di donne hanno passato molto tempo sul set irlandese dove è stata ricostruita la reggia della famiglia Stark, Grande Inverno. «Abbiamo incominciato a parlare di come sia il Natale per i bambini ebrei… come si sentano esclusi dall’atmosfera natalizia», Peet ha detto. «In origine abbiamo cercato di fare un libro su quanto sia divertente Hanukkah. Ma è stato davvero difficile provare a scriverlo».

La sacerdotessa rossa ha prestato la sua voce per l’audiolibro “Il diario di Anna Frank

Carice Van Houten, l’attrice olandese che ha impersonato Melisandra – anche conosciuta come la Donna in Rosso, una sacerdotessa del Signore della Luce, è stata scelta per dare voce al celebre diario scritto da Anna Frank. Il contributo della Van Houten fa parte di una app per smartphone, lanciata nel 2014, che include altri contenuti interattivi sul libro come foto, video e interviste.  In un programma tv olandese la Van Houten ha detto che lesse per la prima volta il diario di Anna Frank a 14 anni. «Mi provocò degli incubi che ancora ricordo».

Meera Reed ha recitato nella miniserie tv della BBC dedicata ad Anna Frank

Nel 2010, l’attrice inglese Ellie Kendrick – conosciuta come Meera Reed nel Trono di Spade che è una compagna di viaggio di Bran Stark nella fuga dagli Estranei – ha recitato con grande maestria nel ruolo della giovane Anna Frank nella miniserie di 5 episodi della BBC. La miniserie è inoltre andata in onda sulla PBS durante la giornata della Memoria. «Non abbiamo provato a fare un nuovo personaggio di Anna Frank», la Kendrick ha detto al Los Angeles Times. «È stata una ragazza moderna e molto intelligente».

 

Menu