la mascherina israeliana Sonovia

Mascherina israeliana protegge dal coronavirus al 99%

Salute

di Ilaria Ester Ramazzotti
Un tipo di mascherina antivirale prodotta in Israele dall’azienda Sonovia neutralizza batteri, funghi e virus, proteggendo dal nuovo coronavirus con un’efficacia del 99,34%. Lo hanno stabilito dei test eseguiti dal laboratorio di ATCCR in Cina, come ha annunciato lo scorso 20 febbraio l’azienda produttrice di tessuti con sede a Ramat Gan. La notizia è riportata dal Jerusalem Post.

Si tratta di maschere antivirali lavabili e riutilizzabili, rivestite con nanoparticelle di ossido di zinco. I risultati dell’ultimo ciclo di test hanno rilevato la loro capacità di neutralizzare le tracce di SARS-COV-2 entro trenta minuti dal contatto con il tessuto. È stato inoltre dimostrato che mantengono le loro proprietà protettive anche dopo 55 lavaggi.

“A seguito di questo eccezionale risultato possiamo assicurare al pubblico che la nostra SonoMask funziona in modo continuo, permanente e rapido per neutralizzare la diffusione di Covid 19 – ha dichiarato Joshua Hershcovici, CEO di Sonovia -. Siamo orgogliosi del nostro ultimo risultato, che aiuterà le persone a sentirsi al sicuro e a proteggere i propri cari”.

L’azienda israeliana, attiva nell’ambito del settore tessile, ha svolto test e collaudi con la società Adler Plastic in Italia all’inizio di quest’anno, lavorando alla creazione di tessuti, e collaborato con noti marchi come Gucci, Chanel e Adidas.

Menu