Mosè rilegge i 10 comandamenti nella parashà Vaetchanan

Obbedire o trasgredire? Di fronte alla Torà siamo tutti uguali

Libri

di Michael Soncin

«Una delle ricchezze del decalogo – dice Elena Loewenthal – risiede nella molteplicità delle sue interpretazioni». E nelle Tavole, c’è tutto il Pentateuco

Dall’uno al dieci. Un numero di cifre la cui combinazione e interpretazione è sufficiente a rappresentare l’infinito, che riflette la vastità del creato e la pluralità del genere umano che lo anima.
Elena Loewenthal, studiosa e docente presso l’Università di Pavia, collaboratrice del quotidiano La Stampa, offre una versione dei dieci comandamenti, fondata sulla numerazione ebraica, presentando citazioni bibliche e talmudiche da lei tradotte. E come spiega: «Ho scelto di presentare una versione intimamente aderente al testo originale, sia sul piano morfologico sia su quello sintattico».
Né Eva né Adamo moriranno assaggiando il frutto proibito. Quel “morir morirai” pronunciato dal Creatore cosa vuole quindi raffigurare? La consapevolezza dell’esistenza della morte. Quello che la neurobiologia chiamerebbe con il termine di “coscienza”, una facoltà esclusiva dell’essere umano, ciò che distingue noi dagli altri mammiferi e dagli animali in generale.
Si scoprono le differenze tra quell’Hinneni – che in ebraico significa Eccomi – pronunciato da Hashem, dal significato simbolico, passando all’Hinneni pronunciato da Abramo in risposta al Signore, come segno di obbedienza fino ad un altro “Eccomi”, ancora diverso, dal tono dubitativo -interrogativo di Mosè.
«Le tavole – scrive la Loewenthal – non contenevano né contengono, come lascia pensare l’immaginario collettivo, soltanto i Dieci comandamenti bensì tutto il testo dei primi cinque libri della Bibbia».
Sono questi e molti altri i passi affrontatati, come il concetto di perfezione e imperfezione.
Un’apripista dove si apprende che una delle ricchezze del decalogo risiede nella molteplicità delle sue interpretazioni, laddove anche i sinonimi non sono esattamente sovrapponibili.
Un libro edito da Einaudi nella collana Vele, da leggere e rileggere riflettendo sui vari livelli di lettura che ci offre. “La legge divina ha senso solo se ammette la facoltà di non osservarla”.

Elena Loewenthal, Dieci, Einaudi editore, pp. 106,
euro 12,00, e-book euro 7,99.

Menu