A.B. Yehoshua e Sarid nella lista del New York Times dei 100 libri top 2020

Libri

di Redazione
Il New York Times ha incluso opere di due autori israeliani nella sua lista dei 100 libri degni di nota del 2020: Yishai Sarid, il figlio del defunto legislatore Meretz Yossi Sarid, per il suo libro Il mostro della memoria e A.B. Yehoshua per il suo libro Il tunnel.

Il Times ha salutato Il mostro della memoria, che descrive in dettaglio come la vita di un uomo rimane intrappolata nella memoria dell’Olocausto, come “un brillante romanzo breve che funge da coraggioso, acuto brief contro il fatto che il passato divori il presente.

La seconda scelta del giornale per l’elenco, Il Tunnel, racconta la storia di una coppia, Zvi e Dina, alle prese con l’insorgenza della demenza del marito. Nella sua recensione, il giornale loda la “grande bellezza” che si trova nella “essenziale decenza umana” di Zvi. Piuttosto che ritirarsi all’interno e nascondersi, sceglie, sì, di vivere. ”

Alla domanda su come si sentisse a essere incluso nella lista, Yehoshua ha risposto: “Dico questo dall’età di 30 anni e lo dirò quando ne avrò 84. Dal mio punto di vista, la cosa più importante sono le recensioni in Israele e la lettura dei miei libri qui. Le recensioni su giornali rinomati come Le Monde, The Guardian e The New York Times sono meno importanti per me di una recensione in Israele Hayom e altri giornali in Israele “.

Yehoshua ha affermato: “L’importanza dell’autore è nella sua terra natale, ed è qui che vengono soppesate le sue osservazioni e la sua influenza. Oltre a questo, sono già stato in questa lista ed è per questo che non sono entusiasta. Ma oltre a questo, i nomi più grandi e più importanti nella letteratura ebraica non sono stati inclusi nella lista e sono ancora considerati molto importanti nel contesto dello Stato di Israele. Mi riferisco, ovviamente, a Nathan Alterman, S. Yizhar e altri. Questi sono i grandi autori che abbiamo avuto, eppure non hanno mai ricevuto molti riconoscimenti all’estero. Il fulcro della letteratura è il suo paese e la sua casa. ”

Sarid ha detto di essere rimasto sorpreso di apprendere che Il mostro della memoria era stato incluso nella lista.

“Non lo sapevo fino a quando un amico in Israele non me lo ha detto, e poi il mio editore negli Stati Uniti mi ha anche inviato un’email per aggiornarmi. Decine di migliaia di autori si contendono l’elenco ogni anno, ed è per questo che è davvero un bel risultato per me “.

Ha detto che l’inclusione del libro è stata “la conferma che i miei libri non parlano solo a un pubblico israeliano ma ad altri pubblici in tutto il mondo. Ogni autore vuole sempre rivolgersi a un nuovo pubblico, ed è per questo che [mi ha dato] un senso di soddisfazione. Tuttavia, ciò che mi ha reso più felice è stato essere nella stessa lista di A.B. Yehoshua, che è uno dei più grandi autori israeliani e che ammiro. È davvero un grande onore “, ha detto.

Menu