Scrittore rumeno premiato col Médicis

Eventi

Lo scrittore ebreo rumeno di 70 anni Norman Manea è stato recentemente insignito del prestigioso premio letterario francese Médicis, per il suo “Il ritorno dell’huligano” premiato come miglior romanzo non francese.

Il libro è stato tradotto in oltre 15 lingue, da noi è stato pubblicato due anni fa, presso Il Saggiatore e nel 2002 ha ricevuto il Premio Nonino: è una delle poche apparizioni italiane della narrativa romena contemporanea. Il romanzo è l’autobiografia di Manea, ed è la storia di due ritorni: il primo, quello dell’autore ancora bambino dalla deportazione nel campo di concentramento per gli ebrei della Bucovina e della Bessarabia – in Transnistria oltre il fiume Dniester – dove nel 1941, all’età di 5 anni, era stato internato con la famiglia all’epoca del regime fascista in Romania durante la seconda guerra mondiale. Dopo un lavoro frustrante come ingegnere sotto il regime di Ceausescu, si dedica alla scrittura. Il secondo ritorno è quello di Manea in Romania dall’America, alla ricerca della propria identità.

La descrizione della vita di tutti i giorni sotto il regime totalitario gli era costato nel 1986 la cacciata in esilio. Trascorre un anno a Berlino Ovest e quindi nel 1988 emigra negli Stati Uniti, dove ora insegna letteratura al Bard College di New York.

Manea è uno scrittore profondamente cerebrale, autore di molti libri acclamati dalla critica (in Italia pubblicati “Ottobre ore otto”, “Paradiso forzato”) e uno degli scrittori rumeni contemporanei più famosi, tuttavia più popolare all’estero che non in patria. Il titolo stesso del libro ora premiato dà la definizione di ‘huligano’, ossia ‘il marginale, il non allineato, l’escluso’.

Menu