La giudice americana Ruth Bader Ginsburg

Ruth Bader Ginsburg: “La richiesta di giustizia attraversa la storia e la tradizione ebraiche”

di Ilaria Ester Ramazzotti
La tradizione ebraica ha fortemente forgiato e attraversato la vita di Ruth Bader Ginsburg, la nota giudice americana morta a 87 anni alla vigilia di Rosh Hashanah. Le sue radici ebraiche sono state un elemento fondamentale della sua visione del mondo e della giustizia. A dirlo è stata lei stessa, come riporta il Times of Isarel del 19 settembre scorso. “La richiesta di giustizia attraversa l’intera storia ebraica e la tradizione ebraica”, aveva dichiarato in un discorso all’American Jewish Committee dopo la sua nomina nel 1993 alla Corte Suprema. “Sono una giudice nata, cresciuta e orgogliosa di essere ebrea”.

“Le leggi come protettori degli oppressi, dei poveri, dei solitari, sono evidenti nel lavoro dei miei predecessori ebrei alla Corte Suprema – aveva inoltre scritto in un saggio per l’American Jewish Committee -. Il comando biblico: ‘Giustizia, giustizia tu perseguirai’ è il filo che li unisce”.

Nativa di Brooklyn, era figlia di Nathan Bader, un immigrato e pellicciaio russo, e di Celia Amster, nata da genitori di origine ungherese. Nei suoi 27 anni di carriera, Ginsburg era nota non solo come presunta leader dell’ala liberale della Corte, ma anche come icona femminista e forte sostenitrice e promotrice dei diritti civili di tutti oltre che dei diritti delle donne.

Anche la Shoah aveva segnato la sua prospettiva del mondo e della legge. “La nostra nazione ha imparato [una lezione] dal razzismo di Hitler e, col tempo, ha intrapreso una missione volta a porre fine alla discriminazione sanzionata dalla legge nel nostro paese”, aveva detto Ginsburg in una commemorazione svolta per Yom Hashoah nel 2004 allo US Holocaust Memorial Museum di Washington. “Siamo i più ricchi grazie alla diversità religiosa, etnica e razziale dei nostri cittadini”.

Le dichiarazioni e le condoglianze delle associazioni ebraiche americane

Le organizzazioni ebraiche statunitensi hanno rilasciato nei giorni scorsi diverse dichiarazioni di cordoglio in memoria di Ruth Bader Ginsburg, come riporta il Jerusalem Post del 20 settembre scorso.

“Siamo rimasti sconvolti nell’apprendere [la notizia] della perdita del giudice Ginsburg”, hanno twittato le federazioni ebraiche del Nord America. “Era un esempio di talento e realizzazione, una fonte di ispirazione non solo per gli ebrei, ma per le persone di tutte le fedi ed etnie in tutta l’America”.

“La sua causa attenta e metodica per l’uguaglianza di genere, una categoria che a malapena esisteva prima che lei la immaginasse, da sola, l’avrebbe posizionata ai primi posti della professione legale americana”, ha affermato l’American Jewish Committee. “Al di là delle posizioni che ha preso e delle opinioni motivate che ha scritto, la sua dedizione alla causa del diritto e della giustizia era leggendaria. Né la malattia, né la tragedia familiare hanno potuto dissuaderla dall’adempiere ai suoi doveri di giudice e, in seguito, di giustizia”.

Il B’nai B’rith ha dichiarato: “L’annuncio della morte [di Ginsburg] all’inizio del capodanno ebraico, Rosh Hashanah, è particolarmente toccante. Era un gigante della Corte Suprema, un campione per molte donne e per altri, una voce forte e progressista in campo, con una presenza giudiziaria pionieristica”.

L’Unione per il giudaismo riformato, la Conferenza centrale dei rabbini americani e le donne del giudaismo riformato hanno scritto che poche persone hanno avuto un impatto così lungo o così profondo nella vita di una nazione come Ginsburg: “In qualità di avvocato, la giudice Ginsburg si è impegnata a promuovere i diritti delle donne in un momento in cui alle donne era negato pari accesso all’istruzione, al lavoro, all’economia e ad altre opportunità. Tale ingiustizia ha offeso il giudice Ginsburg come donna, ma anche come ebrea. In effetti, aveva parlato spesso dei molti modi in cui la sua educazione ebraica e la sua fede avevano plasmato il suo senso di giustizia, inclusa la discriminazione contro gli ebrei che faceva parte della vita anche nella sua nativa New York City durante i suoi anni di formazione”.

Menu