terrorista palestinese di Settembre Nero alle Olimpiadi di Monaco 1972

“Offensivo, non parteciperemo alla cerimonia del 50°”: i parenti delle vittime di Monaco ’72 criticano il rimborso della Germania

di Redazione
Un risarcimento “offensivo”: così le famiglie degli atleti israeliani trucidati alle Olimpiadi di Monaco del 1972 hanno definito l’ulteriore rimborso proposto dal governo tedesco mercoledì 27 luglio. Lo riporta l’AP.

I parenti degli atleti hanno a lungo criticato il modo in cui le autorità tedesche hanno gestito l’attacco e le sue conseguenze. Le richieste di ulteriore risarcimento hanno minacciato di oscurare l’evento commemorativo pianificato per il 50° anniversario del massacro.

“Era prevista un’offerta di ulteriori riconoscimenti ai parenti sopravvissuti delle vittime dell’attacco”, ha detto il ministero all’agenzia di stampa tedesca Idpa, aggiungendo che “la cerimonia commemorativa del 50° anniversario dovrebbe essere l’occasione per una chiara classificazione politica del eventi del 1972”.

Il governo tedesco non ha rivelato pubblicamente quanti soldi ha offerto, ma, stando a quanto riportato dal quotidiano RedaktionsNetzwerk Deutschland, la Germania aveva offerto alle famiglie 10 milioni di euro, che includerebbero i pagamenti già effettuati in passato.

“L’offerta è degradante e manteniamo la nostra posizione di boicottaggio della cerimonia (dell’anniversario)”, ha detto Ilana Romano, la vedova di Yossef Romano, un sollevatore di pesi fra i primi israeliani uccisi, all’emittente pubblica Kan, aggiungendo che la Germania “ci ha gettato ai cani. Ci hanno maltrattato per 50 anni.  “Hanno deciso di assumersi la responsabilità – molto bello dopo 50 anni”, ha detto Romano, chiedendo un adeguato risarcimento per le famiglie, “non centesimi”.

Anche Ankie Spitzer, vedova di Andre Spitzer, allenatore di scherma della squadra olimpica israeliana, ucciso nell’attacco, ha rifiutato la somma offerta dalla Germania. “La somma che ci è stata offerta è offensiva”, ha detto al  RedaktionsNetzwerk Deutschland. “Siamo arrabbiati e delusi”. “Non abbiamo mai voluto parlare pubblicamente di denaro”, ha detto Spitzer, “ma ora siamo costretti a farlo”.

Se l’offerta attuale rimarrà invariata, i parenti non verranno a Monaco per la commemorazione del 50° anniversario dell’attacco all’inizio di settembre, ha detto Spitzer.

Gli 11 atleti israeliani assainatio nell'attacco teroristico alle Olimpiadi di Monaco del 1972
Le vittime israeliane dell’attacco terroristico alle Olimpiadi di Monaco del 1972

L’attentato alle Olimpiadi di Settembre Nero

I membri del gruppo palestinese Settembre Nero fecero irruzione nel Villaggio Olimpico e presero in ostaggio gli atleti della squadra nazionale israeliana il 5 settembre 1972, con l’obiettivo di forzare il rilascio dei prigionieri detenuti da Israele e di due estremisti di sinistra nelle carceri della Germania occidentale.

Undici israeliani e un agente di polizia della Germania occidentale rimasero uccisi durante l’attacco, anche durante un fallito tentativo di salvataggio.

Immediatamente dopo l’attacco, la Germania ha effettuato pagamenti ai parenti delle vittime per circa 4,19 milioni di marchi (circa 2 milioni di euro o 2,09 milioni di dollari), secondo il ministero dell’Interno. Nel 2002, i parenti sopravvissuti hanno ricevuto altri 3 milioni di euro. Una richiesta di risarcimento per un importo di circa 40 milioni di marchi citava gravi errori nell’operazione di polizia, ma è stata respinta a causa della prescrizione.

Menu