Il cantante tunisino Noomane Chaari

Cantante tunisino licenziato e insultato per avere duettato con un israeliano in una canzone di pace

di Redazione
Noamane Chaari, il musicista tunisino che ha collaborato con un cantante israeliano a una canzone che promuove la tolleranza religiosa tra musulmani ed ebrei ha subito gravi contraccolpi, tra cui essere stato licenziato dal suo lavoro presso un’emittente statale e minacce di morte sui social media.

La canzone “Peace Between Neighbors”, pubblicata la scorsa settimana, è stata eseguita dall’israeliano Ziv Yehezkel, un ebreo mizrahi che canta principalmente in arabo, e dal produttore e compositore tunisino Noamane Chaari. La collaborazione è stata organizzata dal Consiglio arabo per l’integrazione regionale, che tenta di far avanzare il dialogo arabo-israeliano nella regione.

Il Consiglio arabo per l’integrazione regionale – una raccolta di intellettuali arabi che sostengono la normalizzazione con Israele – ha fatto pressioni su Stati Uniti e Francia affinché approvassero leggi che proteggano coloro le cui vite sono minacciate per la normalizzazione con gli israeliani.

Joseph Braude, fondatore del Center for Peace Communications, che sostiene il Consiglio arabo, ha accusato: “La pressione di un alto funzionario ha causato il suo licenziamento dal lavoro e la pressione delle istituzioni dell’establishment ha costretto i suoi clienti privati ​​a lasciarlo. Questa è una campagna per distruggerlo”.

Sebbene abbia lavorato come produttore musicale e compositore per la televisione statale tunisina, Chaari non aveva un grande seguito pubblico o una presenza online prima della controversia.

La canzone è stata scritta da un artista yemenita che desidera rimanere anonimo per la propria incolumità, poiché vive in un territorio controllato dalle milizie filo-iraniane Houthi.

La controversia che circonda la canzone è diventata rapidamente una questione nazionale, con alcuni commentatori che hanno scritto sui social media che Chaari dovrebbe “ricevere una buona lezione e picchiato a morte”; altri hanno detto che avrebbe dovuto essere giustiziato.

“Quello che sta accadendo in Tunisia a Noamane Chaari è profondamente preoccupante. I legislatori americani sono uniti nel sostenere la convivenza nella regione [tra] ebrei e arabi. Le autorità tunisine devono intensificarsi per proteggere le richieste di pace e per fermare gli attacchi contro Chaari ”, ha scritto sabato sera il senatore statunitense Ted Cruz in un tweet.

La Tunisia è l’unico Paese libero del mondo arabo, secondo l’organismo di vigilanza sui diritti umani Freedom House. La conflittuale democrazia nordafricana contiene una classe secolare profondamente radicata insieme alla percentuale più alta del mondo arabo di combattenti stranieri dello Stato islamico.

Il primo ministro tunisino Hichem Mechichi ha detto all’inizio di questo mese che il paese non ha intenzione di riconoscere Israele e che stabilire relazioni con lo stato ebraico “non era all’ordine del giorno”. Il presidente del paese, Kais Saied, è noto per le sue opinioni intransigenti sulla normalizzazione, definendo “tradimento” lo stabilire legami aperti con Israele in una dichiarazione del 2019.

In un’apparizione televisiva dopo l’uscita della canzone, Chaari ha negato che la canzone invocasse la pace tra Israele e il mondo arabo. Piuttosto, ha cercato di promuovere la pace “tra musulmani ed ebrei”, ha detto il cantante al “Late Show” di Tunisian Channel 9. Gli altri ospiti, tuttavia, lo hanno accusato di aiutare “l’entità sionista usurpatrice”.

Chaari ha detto di aver visitato Israele e i territori palestinesi nel 2019, citando in particolare la città palestinese di Ramallah in Cisgiordania e Kfar Qasim, una città israeliana araba centrale. “Non ho mai tradito la causa palestinese … volevo fare un progetto sulla pace tra le religioni e, soprattutto, sulla pace tra musulmani ed ebrei, che sono stati divisi a causa delle politiche israeliane”, ha detto Chaari.

Ho scelto [Yehezkel] perché è contro il sistema, ama i palestinesi e ha radici irachene “, ha detto Chaari, aggiungendo:” È un iracheno con un passaporto israeliano “.

“Dannato è colui che si normalizza e che tenta di persuaderci a normalizzarci. È impuro e rimarrà nella sua contaminazione, qualunque sia il comportamento dei governi “, ha detto Mu’taz Matar, emittente televisiva popolare egiziana dell’opposizione, che vive in esilio a Istanbul.

Alcuni artisti tunisini, tuttavia, sono venuti in difesa del produttore. Il noto cantante tunisino Chamseddine Bacha ha definito le accuse contro Chaari “una campagna diffamatoria”. Ma come Chaari, ha evitato di concentrarsi sulla nazionalità israeliana di Yehezkel. “Sostengo il mio amico e collega e rifiuto questa campagna diffamatoria contro il suo progetto artistico e la sua collaborazione con un artista iracheno di origini ebraiche”, ha scritto Bacha in un post su Facebook.

 

Menu