Emergenza Coronavirus: in Polonia un’associazione ebraica supporta gli anziani che aiutarono gli ebrei

di Paolo Castellano
Quanti anziani a causa del Covid-19 non possono uscire di casa, neppure per fare la spesa? Per loro sono necessari servizi di consegna a domicilio che purtroppo non sono disponibili in breve tempo. Tuttavia, stanno nascendo dei servizi di volontariato per risolvere in parte il problema. Ad esempio a Varsavia in Polonia, un’associazione ebraica ha messo in piedi un progetto per fornire supporto a quegli anziani che durante la seconda guerra mondiale aiutarono gli ebrei a sopravvivere al nazismo.

Come riporta JTAi volontari di From the Depths si sono resi disponibili a effettuare un servizio gratuito di taxi per i polacchi che difesero gli ebrei durante la Shoah. La generosità di From the Depths ha messo a disposizione una piccola flotta di 4 auto che dal 15 marzo ha iniziato a distribuire la spesa a coloro che non possono uscire di casa per andare al supermercato. Per il momento i volontari stanno assistendo 20 anziani riconosciuti come Giusti tra le nazioni – un’onorificenza per coloro che rischiarono la vita proteggendo il prossimo durante il nazismo.

Come ha raccontato il fondatore del gruppo, Jonny Daniels, i fattorini si occupano personalmente di andare ad acquistare il cibo nei negozi indossando guanti e mascherine. Dopo ogni consegna il taxi viene disinfettato. Per sanificare le automobili, l’associazione ebraica ha comprato disinfettanti molto costosi per garantire la sicurezza igienica dei propri impiegati: autisti, amministratori e dozzine di volontari. «Abbiamo consultato il personale medico e la tecnica che usiamo è sostanzialmente la stessa di quella che fanno nelle ambulanze», ha specificato il responsabile del progetto.

«Dopo lo scoppio della pandemia, abbiamo iniziato ad avere più richieste, anche per il servizio taxi», ha dichiarato Daniels. La richiesta per il servizio taxi si è intensificata per la minore probabilità di contagio rispetto all’uso dei mezzi pubblici. From the Dephts ha inoltre stilato un elenco di 40 indirizzi e garantisce l’evasione completa degli ordini nel giro di una settimana.

I volontari di From the Dephts vogliono dunque ringraziare “materialmente” tutte quelle persone che nel momento del bisogno hanno aiutato il popolo ebraico. Un segnale di condivisione e speranza che arriva direttamente dalla Polonia, paese dell’Est Europa che attualmente ha registrato all’interno dei suoi confini 649 casi di Coronavirus.

Menu