Il primo ministro del Marocco Saad-Eddine El Othman

Il primo ministro del Marocco rifiuta la normalizzazione con Israele. Mentre Kushner e Pompeo iniziano il viaggio in medio oriente

Mondo

di Redazione
“Rifiutiamo qualsiasi normalizzazione con l’entità sionista perché questo incoraggia ad andare oltre violando i diritti del popolo palestinese”. E’ quanto dichiarato dal primo ministro marocchino Saad-Eddine El Othman al suo partito islamista PJD, secondo l’agenzia di stampa Reuters, dopo che era uscita la notizia che il Marocco sarà fra i prossimi Paesi a normalizzare i rapporti con Israele.

Le osservazioni sono arrivate prima di un previsto viaggio in Israele, Marocco e diversi stati del Golfo questa settimana da parte del consigliere senior e genero del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Jared Kushner. Sarà preceduto nella regione dal segretario di Stato americano Mike Pompeo.

Marocco, alleato degli Usa 

Citando funzionari statunitensi anonimi, l’emittente pubblica Kan ha affermato che il Marocco è stato visto come un probabile candidato poiché ha già legami turistici e commerciali con Israele. Il rapporto cita anche la protezione del paese nordafricano della sua piccola comunità ebraica.

Stabilire legami diplomatici formali con Israele potrebbe anche migliorare le relazioni del Marocco con gli Stati Uniti. Il rapporto afferma che in cambio di ciò, Rabat stava cercando il riconoscimento americano della sua sovranità sul territorio conteso del Sahara occidentale. Il Marocco ha infatti occupato vaste aree del Sahara occidentale nel 1975 quando la Spagna si è ritirata dall’area e in seguito ha annesso i territori con una mossa non riconosciuta a livello internazionale.

Il Marocco è considerato un alleato degli Stati Uniti e ha a lungo mantenuto legami informali ma stretti di intelligence con Israele. Sebbene i paesi non abbiano relazioni formali, il Marocco ha ospitato leader israeliani e gli israeliani possono visitare lì. Circa 3.000 ebrei vivono in Marocco, una frazione del numero di prima della creazione di Israele nel 1948, ma è ancora la più grande comunità del mondo arabo.

Gli altri Paesi in fase di normalizzazione dei rapporti

Oltre al Marocco, anche Bahrein, Oman e Sudan sono stati pubblicizzati come nazioni che potrebbero seguire gli Emirati Arabi Uniti nello stabilire relazioni con Israele. Sia il Bahrein che l’Oman hanno elogiato l’annuncio che Gerusalemme e Abu Dhabi avrebbero normalizzato i legami.

Pompeo discuterà dei legami tra Israele e Sudan quando incontrerà i leader sudanesi durante il suo viaggio in Medio Oriente questa settimana, ha detto domenica il Dipartimento di Stato.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha detto domenica tarda che avrebbe ospitato Pompeo lunedì ed era fiducioso che altri paesi avrebbero presto seguito l’esempio degli Emirati Arabi Uniti e fatto la pace con Israele. La sua dottrina a lungo termine “pace per pace … pace dalla forza”, ha detto, stava iniziando a “dare frutti”.

“In Sudan, il segretario incontrerà il primo ministro Abdalla Hamdok e il presidente del Sovrano Consiglio Generale Abdel Fattah al-Burhan per discutere il continuo sostegno degli Stati Uniti al governo di transizione a guida civile ed esprimere il sostegno per l’approfondimento delle relazioni Sudan-Israele”, uno Stato Dichiarazione del dipartimento ha detto.

La visita di Pompeo a Khartoum avverrà tra i segnali crescenti che il Sudan e Israele si stanno muovendo per migliorare i rapporti.

Durante il fine settimana, un rapporto arabo ha detto che il capo del Mossad Yossi Cohen ha incontrato di recente Mohammed Hamdan Dagalo, il vice capo del consiglio militare al governo del Sudan, in una riunione organizzata e ospitata dagli Emirati Arabi Uniti. Fonti a conoscenza dell’incontro Cohen-Dagalo hanno riferito al giornale del Qatar Al-Araby Al-Jadeed che il consiglio militare del Sudan è interessato a migliorare i legami con Israele.

Sempre la scorsa settimana, il portavoce del ministero degli Esteri del Sudan, Haidar Badawi Sadiq, ha dichiarato a Sky News Arabia che Khartoum “aspira a un accordo di pace con Israele … un rapporto di pari costruito sugli interessi di Khartoum”.

Tali osservazioni martedì scorso sono state rapidamente accolte da Gerusalemme. Ma ore dopo il ministro degli Esteri in carica del Sudan ha negato la conoscenza dei colloqui di pace con Israele e ha affermato che Sadiq non era stato autorizzato a commentare la questione. Il portavoce è stato licenziato mercoledì per i commenti, ma in seguito ha detto che non si è pentito di averli fatti.

Da Israele, Pompeo volerà in Sudan e da lì in Bahrain per un incontro con il principe ereditario del Bahrain Salman bin Hamad Al Khalifa. Si recherà quindi ad Abu Dhabi per colloqui con il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed Al Nahyan sull’accordo Israele-Emirati Arabi Uniti e altre questioni regionali, secondo il Dipartimento di Stato.

Menu