Mehdi Nemmouche, attentator al Museo Ebraico di Bruxelles nel 2014

Belgio: l’attentatore del Museo ebraico di Bruxelles condannato all’ergastolo

Mondo

di Redazione
Mehdi Nemmouche, il terrorista che sparò il 24 maggio 2014 nel Museo ebraico di Bruxelles, uccidendo 4 persone, è stato condannato all’ergastolo dalla Corte d’assise di Bruxelles, dopo che il 6 marzo lui e il suo complice Nacer Bendrer (condannato a 15 anni di reclusione) erano stati giudicati colpevoli. Al momento dell’annuncio della sua condanna alla prigione a vita, Nemmouche ha dichiarato sprezzante “la vita continua”.

Durante i due mesi di processo, Nemmouche ha continuamente difeso la sua innocenza, brandendo tesi cospirazioniste. Come riporta il sito di Bfmtv, i dodici giurati e tre magistrati professionisti, che hanno iniziato le loro discussioni il 5 marzo, hanno dovuto rispondere a un totale di 56 domande sulla colpevolezza dei due imputati.

Il 33enne francese è stato accusato di aver ucciso a sangue freddo in meno di un minuto e mezzo il 24 maggio 2014 Miriam ed Emmanuel Riva, una coppia israeliana, Alexandre Strens, 26 anni, e un volontario francese di 66 anni, Dominique Sabrier. Mehdi Nemmouche è quindi colpevole di omicidio terroristico e premeditato sul popolo di Emmanuel e Miriam Riva, coppia di israeliani, di Alexandre Strens e della volontaria Dominique Sabrier. È anche condannato per possesso e uso a fini terroristici della mitragliatrice del tipo di Kalashnikov e della pistola utilizzati nell’attacco.

La difesa: “Incastrato dal Mossad”

Durante l’udienza, Nemmouche ha negato qualsiasi coinvolgimento, sostenendo di essere stato “incastrato”, senza ulteriori spiegazioni. Per i suoi avvocati, l’omicidio non è un attacco diell’Isis, in cui gli imputati hanno combattuto tra gennaio 2013 e febbraio 2014 (Nemmouche era stato definito da alcuni ex prigionieri siriani ‘un feroce torturatore’). Si tratta, dicono, di “un’esecuzione mirata di agenti del Mossad” in cui presunti agenti dei servizi libanesi o iraniani avrebbero implicato Nemmouche a sua insaputa. La tesi del coinvolgimento del Mossad era venuta fuori subito dopo l’omicidio riguardo alla coppia israeliana Riva, i primi rimasti uccisi nell’attacco. Già allora, gli avvocati della famiglia Riva avevano protestato fermamente che i due turisti erano stati presentati come agenti segreti, denunciando “uno scandalo assoluto”.

Nella difesa, Sébastien Courtoy, l’avvocato di Mehdi Nemmouche, ha durante due mesi cercato di fare valere questa tesi, sostenendo la sua innocenza e mettendo in dubbio la veridicità delle immagini videoregistrate dalle telecamere di sorveglianza e negando l’affidabilità della confessione di Bendrer, “uomo messo sotto pressione dalla giustizia”. Inoltre, nel tentativo di liberare il suo cliente, Courtoy si è attaccato al fatto che all’epoca l’ISIS non aveva rivendicato la responsabilità dell’attacco, senza però soffermarsi sulla sua permanenza a Rakka o sui suoi contatti con Jihadisti belgi coinvolti negli attacchi di Parigi e Bruxelles. Una difesa, la sua, dall’inizio alla fine intrisa di stereotipi antisemiti e complottisti.

Giustizia è fatta

“Ora le famiglie saranno in grado di iniziare a svolgere il loro lavoro di lutto con maggiore serenità “, ha affermato Libert, avvocato di Emmanuel e Miriam Riva, due delle quattro vittime di questo attacco. “Non c’era spazio per cospirazioni e teorie stravaganti in questo processo. È stato necessario attenersi al fascicolo e ritengo che il giudizio sia uno non più esplicito su questo argomento, confida d’altra parte Me Dalne, l’avvocato Annie Adam, la madre di Alexander Strens.

“Giustizia è fatta”, ha  dichiarato, con un comunicato, il Comitato di coordinamento delle organizzazioni ebraiche del Belgio (CCOJB), dopo la sentenza sulla colpevolezza resa dalla Corte d’assise di Bruxelles nel processo sull’attacco al Museo ebraico. “La comunità ebraica nel suo complesso ha subito le conseguenze di questo terribile attacco antisemita”, ha risposto il CCOJB nella sua qualità di partito civile, rappresentato dal signor Hirsch. “Che il nome di questo terrorista antisemita sia cancellato e che noi possiamo mantenere solo la resilienza delle nostre istituzioni democratiche, della comunità ebraica e della popolazione belga”, ha detto Yohan Benizri, presidente del CCOJB.

“Gli avvocati, che la mia educazione mi proibisce di descrivere con precisione, hanno cercato di scuotere la nostra democrazia portando alle nostre corti teorie nauseanti. Questi stessi avvocati continueranno a criticare la nostra giustizia perché hanno perso miseramente. Ma nulla deve avere la meglio sulla nostra determinazione a lottare per i nostri valori “, ha aggiunto Yohan Benizri.

 

Menu