Reuven Rivlin e Benny Gantz

Rivlin affida il governo a Gantz, che ha 28 giorni per trovare una maggioranza. “Servirò tutti gli israeliani”

Israele

di Redazione
Mercoledì 23 ottobre il presidente Reuven Rivlin ha incaricato Benny Gantz, il leader del partito blu e bianco, di formare il prossimo governo israeliano, dopo che il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva annunciato all’inizio di questa settimana di non essere riuscito a comporre una coalizione che garantisse 61 seggi.

Il leader di Kahol Lavan si è impegnato a formare un “governo di unità liberale” e ad invitare tutti i partiti politici a discutere sui suoi obiettivi. La sua coalizione sarebbe aperta a tutti tranne ai razzisti e i sostenitori della violenza, ha detto.

Con la nomina di Gantz, Netanyahu, per la prima volta nei suoi 10 anni consecutivi di governo come primo ministro, vede strappato dalle mani il controllo esclusivo sul sistema politico israeliano.

“Lavorerò per tutto il popolo di Israele. Un governo per il quale Israele è alla disperata ricerca. Formeremo un governo che spingerà per la pace e saprà trattare definitivamente con ogni nemico “, ha detto l’ex capo dello staff dell’IDF. “Farò tutto il possibile per creare un governo di guarigione nazionale che unisca le tribù”, ha sottolineato, aggiungendo che “siamo qui per rappresentare tutti, gli Haredim, con i quali dobbiamo sedere e parlare come fratelli, cittadini arabi, i nostri fratelli Drusi, come tutti gli altri”.

Dell’idea che sarebbe disposto a sedersi in un governo con Netanyahu come ministro del gabinetto, Gantz ha dichiarato: “Inviterò tutte le parti rappresentate nella Knesset, anche quelle che non faranno parte del governo. Mi rivolgerò prima al Likud e al suo capo Netanyahu e gli offrirò di far parte di questo governo.

Sottolineando la necessità di un governo di unità, Rivlin, nelle sue osservazioni prima dell’intervento di Gantz, ha ribadito la sua proposta di condivisione del potere a Gantz e Netanyahu per un cambiamento legale nella posizione di “primo ministro ad interim” che garantirà al titolare di carica “pieno potere” nel caso in cui il primo ministro non possa svolgere le sue funzioni.

Un simile cambiamento potrebbe teoricamente consentire a Netanyahu di prendersi un congedo se viene formalmente accusato nelle tre accuse di corruzione contro di lui, consentendo a Gantz di evitare di prestare servizio in un governo con un primo ministro accusato.

“È possibile formare un governo – Rivlin ha detto a Gantz -. Non vi è alcuna giustificazione per forzare un altro ciclo elettorale, il terzo, sul pubblico israeliano. Se non viene formato alcun governo, il pubblico israeliano sarà colui che pagherà il prezzo “.

Netanyahu era inizialmente stato incaricato da Rivlin di cercare di formare un governo basato sulla forza del suo patto con partiti di destra e ultra-ortodossi per negoziare come un blocco di 55 sui 120 legislatori della Knesset dopo le inconcludenti elezioni di settembre (Likud: 32; Shas: 9; United Torah Judaism: 7 e Yamina: 7).

Gantz dirige un blocco di 54 parlamentari, dal centro, dalla sinistra e dai partiti arabi (Blu e bianco: 33; Labour-Gesher: 6; Campo democratico: 5; e 10 su 13 MK dalla lista congiunta principalmente araba).

Ma lunedì il primo ministro aveva informato Rivlin che non era stato in grado di farlo, aprendo la strada a Gantz per tentare.

Se Gantz non riesce a mettere insieme una coalizione durante la sua finestra di 28 giorni, che termina il 20 novembre, la maggior parte dei legislatori potrebbe tentare di appoggiare qualsiasi membro della Knesset – compresi Netanyahu e Gantz – come primo ministro. Se ciò fallisse, il paese sarebbe costretto allo scenario senza precedenti di una terza elezione in meno di un anno.

Menu