Protesta degli etiopi in Israele

Continuano le proteste degli etiopi in Israele. La famiglia del ragazzo ucciso: “No alla violenza”

Israele

di Redazione
La famiglia del 19enne etiope Solomon Tekah, ucciso da un ufficiale di polizia fuori servizio la notte del 30 giugno, ieri ha chiesto ai manifestanti di astenersi dalla violenza dopo che le dimostrazioni di martedì 2 luglio hanno lasciato feriti oltre 110 poliziotti e di 136 manifestanti arrestati. Lo riporta il Jerusalem Post.

“Abbiamo perso un figlio e chiediamo al pubblico di non protestare fino alla fine della shiva (periodo del lutto) e di agire con moderazione e pazienza – ha detto la famiglia -. Alla fine della shiva presenteremo proteste legittime in modo organizzato e in coordinamento con le parti interessate. Invitiamo tutti i giovani e i loro genitori ad astenersi da provocazioni e inutili violenze”, ha continuato la famiglia, aggiungendo che la rabbia espressa nei giorni scorsi “è rabbia accumulata in anni di continua negligenza, razzismo e in particolare l’eccessiva sorveglianza e uccisioni inutili dei nostri bambini”.

Le proteste della comunità etiope-israeliana si sono svolte per il terzo giorno mercoledì sera in tutto il paese, mentre la famiglia e le autorità hanno invocato la calma. Tekah è stato il secondo giovane etiope ad essere ucciso dalla polizia negli ultimi sei mesi.

Solomon Tekah, 19 anni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un poliziotto fuori servizio durante un alterco nel quartiere di Haifa a Kiryat Haim. Un testimone oculare della sparatoria avrebbe riferito al Piid che, contrariamente alle affermazioni dell’ufficiale, non sembrava essere stato in pericolo quando ha aperto il fuoco.

Il 19enne Solomon Tekah ucciso da un poliziotto fuori servizio

Il 19enne Solomon Tekah ucciso da un poliziotto fuori servizio

Le difficoltà degli etiopi in Israele

Circa 140.000 ebrei etiopi vivono in Israele, molti dei quali sono volati in Israele in tre operazioni militari segrete chiamate Mosè, Giosuè e Salomone, dal 1984 al 1991. Ma gli etiopi-israeliani hanno faticato a integrarsi nella società israeliana e la comunità ha a lungo accusato lo stato, compresi i militari, di razzismo, negligenza, brutalità e abusi.

Il padre di Tekah, Varkah, ha detto che nonostante i manifestanti gli abbiano dato forza, ha invitato i membri della comunità ad astenersi dalla violenza. Varkah ha detto che suo figlio aveva intenzione di arruolarsi nella polizia come parte del suo servizio militare.

“Ci sono agenti di polizia che vengono per proteggere la gente e fanno il loro lavoro fedelmente”, ha detto, aggiungendo tuttavia che ci sono “pochi che si sono arruolati nella polizia e usano le loro armi e il loro potere”. Agenti con tenute antisommossa hanno affrontato i manifestanti, per impedire il blocco delle autostrade centrali e degli incroci. Cinque manifestanti sono stati arrestati a Tel Aviv mentre circa 200 hanno cercato di bloccare lo svincolo di Azrieli; cinque arrestati a Yavne dopo che i dimostranti hanno lanciato pietre contro agenti di polizia; e altri due sono stati arrestati a Rishon Lezion per l’utilizzo di cocktail Molotov. La polizia ha esortato i manifestanti ad astenersi dall’utilizzare la violenza e ha affermato che si muoveranno contro chiunque agisca in modo pericoloso o inappropriato. Gli astanti sono stati anche esortati dalla polizia a stare lontano dalle aree in cui si svolgono le proteste.

Netanyahu: “La comunità etiope ci è cara, ma no alla violenza” 

Mercoledì 3 luglio, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha invitato i leader della comunità etiope-israeliana a usare la loro influenza per fermare le proteste violente. “La morte di Solomon Tekah è una grande tragedia”, ha detto il primo ministro. “I nostri cuori sono con la famiglia e le lezioni saranno apprese, ma una cosa è chiara: non possiamo tollerare la violenza che abbiamo visto ieri, non possiamo vedere il blocco delle strade, i cocktail Molotov, gli attacchi alla polizia, i cittadini e la proprietà privata. Questo è qualcosa che non può essere tollerato e la polizia si sta preparando di conseguenza per impedirlo”.

Le parole di Netanyahu arrivano all’inizio di un incontro di un comitato interministeriale istituito per promuovere l’integrazione degli immigrati etiopi nella società israeliana. Un certo numero di rappresentanti della comunità sono in quella commissione e sono stati alla riunione. “Abbiamo lavorato insieme e realizzato cose importanti per la comunità etiopica in Israele e abbiamo più lavoro da fare”, ha detto Netanyahu. “Ma la prima cosa che chiedo e aspetto è che tu mobiliti la tua influenza per contribuire a fermare questa violenza. Deve fermarsi immediatamente”.

Netanyahu ha detto che la comunità etiope-israeliana “ci è cara”, ma che Israele è uno stato di diritto e chiede che “tutti rispettino la legge”. Ha detto che il comitato interministeriale ha precedentemente discusso la necessità di cambiare il modello della polizia nei confronti della comunità etiope-israeliana, e che mentre ci sono stati miglioramenti, sono necessari ulteriori miglioramenti. “Una cosa è certa”, ha continuato Netanyahu. “Questo non può essere affrontato bloccando le strade e non può essere trattato con violenza”.

Anche il commissario di polizia Moti Cohen ha avvertito i manifestanti che la violenza non sarà tollerata, affermando che “non c’è spazio per attacchi contro funzionari pubblici, su istituzioni e proprietà”. Cohen ha avvertito che “gli incidenti avvenuti ieri non si ripeteranno … Continueremo a rispondere in modo proporzionato, a distinguere tra coloro che esercitano il loro diritto di protesta in un paese democratico e quelli che incitano e aggrediscono”.

Menu