Mosé e Yitrò

Parashat Yitrò. Il significato universale dell’espressione “Baruch Hashem”

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Baruch Hashem
è la principale espressione ebraica di ringraziamento e apprezzamento. Significa “Grazie a Dio” o “Lode al Signore.” Le parole di Baruch Hashem compaiono nel parashà di questa settimana.

Ma non sono dette da una persona ebrea. L’uomo che le dice è Yitrò, un sacerdote di Madian e suocero di Moshe. Yitrò ritorna da Moshe dopo l’Esodo, portando con lui moglie e figli di Moshe, e dopo aver sentito storia di ciò che è accaduto in Egitto, dice:
“Lodate il Signore [Baruch Hashem], che vi ha salvato dalla mano degli egiziani e del faraone e che ha sottratto il popolo dalla mano dell’Egitto” (Shemot 18:10).
Tre persone nella Torah usano questa espressione – e tutte non sono ebree, persone fuori dall’Abramitico patto. Il primo è Noach, che dice: “Lodate il Signore, Dio di Sem” (Bereishit 9:26).
Il secondo è il servo di Abramo che viene mandato a trovare una moglie per Yitzchak: “Sia lode al Signore, l’Iddio del mio maestro Abramo, che non ha abbandonato la sua gentilezza e fedeltà per il mio padrone” (Bereishit 24:27).
Il terzo è Yitro in questo parasha della settimana.
Questo è significativo? Perché questo elogio per Hashem è attribuito a Noach, Eliezer e Yitro, mentre il gli israeliti, a parte la loro cantica di ringraziamento dopo la scissione del mare, sembrano presentare solo lamentele costanti? Può essere semplicemente che questa è la natura umana: tendiamo a concentrarci su cosa manca nelle nostre vite, mentre altri vedono più chiaramente e pronunciano le benedizioni che abbiamo. Ci lamentiamo mentre altri si chiedono di cosa ci stiamo lamentando, quando abbiamo molto di cui essere grati.

Questa è una spiegazione, ma è possibile che ci sia un punto ancora più importante. La Torah ci sta segnalando il suo più sottile e il meno scontato atteggiamento che noi ebrei dovremmo agire, essere particolari nella nostra identità, ma universali nel nostro impegno per il futuro umano. L’idea centrale è che il Dio di Israele è il Dio di tutti l’umanità, anche se la religione di Israele non è la religione di tutta l’umanità. Come ha detto il rabbi Akiva: “Amate l’umanità, poiché è stata creata a immagine di Dio. Amate Israele, perché sono chiamati figli di Dio “. (Mishnah Avot 3:14)

Di rav Jonathan Sacks
(Foto: Jan Victors, “Mosé si congeda da Ietrò” , 1635)
Menu