Giacobbe lotta contro l'angelo

Parashat Vayishlach. Tutto ciò che accade può essere una benedizione

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La Torah nella Parashat Vayishlach racconta la misteriosa storia dell’aggressore che ha attaccato Yaakov mentre si trovava da solo sulla riva del fiume durante il suo viaggio di ritorno in Terra di Israele. Dopo una lunga lotta notturna, Yaakov alla fine vinse e sottomise il suo aggressore, che poi implorò Yaakov di liberarlo. Yaakov rispose: “Non ti rilascerò finché non mi benedirai” (32:27). L’attaccante – che è comunemente identificato come un angelo – concordò, e proclamò che il nome di Yaakov sarebbe stato ora “Yisrael“, a significare che aveva trionfato sui suoi avversari.

Il Midrash (Bereishit Rabba 78: 2) racconta che l’angelo inizialmente si rifiutò di concedere a Yaakov una benedizione, fornendo diverse scuse, ma Yaakov insistette comunque. A un certo punto di questo scambio raccontato dal Midrash, Yaakov attirò l’attenzione dell’angelo sulla storia degli angeli che visitarono Abramo e che gli concessero una benedizione prima di partire. Yaakov chiese quindi che fosse trattato allo stesso modo e che l’angelo gli desse una benedizione. L’angelo rispose: “Quelli sono stati inviati per un certo scopo, ma io non sono stato inviato per la stessa motivazione “. Yaakov ha comunque insistito.

Molti hanno indicato il confronto di Yaakov con l’angelo come una rappresentazione delle nostre lotte e dei confronti con mali di ogni tipo. Il trionfo di Yaakov sull’angelo dopo una lunga e difficile battaglia indica la nostra capacità di superare le avversità e le sfide, evidenziando al contempo la necessità di pazienza, coraggio e tenacia. E proprio come Yaakov ha chiesto che l’angelo lo benedica prima di partire, così dobbiamo cercare di ottenere una “benedizione” da ogni sfida e difficoltà che dobbiamo affrontare nella vita.
Il nostro obiettivo non deve essere solo trionfare sulle avversità, ma trasformare ogni situazione difficile in una “benedizione”, in una fonte di crescita, qualcosa da cui trarre vantaggio.

Se è così, allora possiamo forse suggerire una spiegazione per la scusa dell’angelo: “Quelli sono stati inviati per un certo scopo, ma io non sono stato inviato per la stessa motivazione”. Tendiamo a vedere tutto nella vita come una “benedizione” o una “maledizione”, positiva o negativa. Etichettiamo alcuni “angeli” che entrano nella nostra vita come inviati per “benedirci”, per avvantaggiarci, come gli angeli che hanno visitato Avraham, e altri come inviati solo per “lottare” con noi, per sfidarci, per causarci dolore e angoscia, come l’angelo che assalì Yaakov.

Il Midrash insegna che dovremmo insistere nel forzare tutti gli “angeli” che vengono sulla nostra strada per benedirci, anche quando sembra che non siano stati inviati per questo scopo. Dobbiamo sforzarci di avere la forza di trasformare tutti i nostri “angeli” in benedizioni, anche in quelle circostanze che, come l’assalitore di Yaakov, ci causano dolore e lotta. Yaakov ha ignorato l’affermazione dell’angelo secondo cui è stato inviato solo per sfidarlo e non per benedirlo, mostrandoci che tutto ciò che accade nella vita può essere una fonte di benedizione, se abbiamo la forza, la prontezza e la saggezza per percepirlo come tale.

Di Rav David Silverberg

(Foto: Gustave Doré, Jacob Wrestling with the angel, 1855)

Menu