Una pecora per sacrificio

Parashat Vayikra

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
I sacrifici sono l’argomento della parashà di questa settimana, erano centrali nella vita religiosa del biblico popolo d’Israele.  Lo vediamo non solo dallo spazio puro a loro dedicato nella Torah (Il tabernacolo) ma anche dal fatto che occupano il suo libro centrale, quello di Vayikra.

Non abbiamo avuto più il servizio dei sacrifici dal tempo della distruzione del Secondo Tempio, quasi 2000 anni fa.  Ciò che è profondamente rilevante oggi, tuttavia, è la critica ai sacrifici che troviamo tra i profeti del primo Tempio. Quella critica era acuta e profonda e influenzava molte delle loro scelte più significative.
Una delle prime critiche è attribuibile al profeta Samuele: “Il Signore si diletta nelle offerte e nei sacrifici bruciati tanto quanto nell’obbedienza al comando del Signore?  Sicuramente l’obbedienza è meglio del sacrificio, della conformità rispetto al grasso degli arieti ”(1 Sam. 15:22).
Amos disse in nome di Dio: “Se mi offri offerte di animale o le tue offerte di cibo, non le accetterò;  Non presterò attenzione ai tuoi doni di fannullone… Ma lascia che la giustizia salga come l’acqua, la giustizia è come un flusso infinito ”(Amos 5: 21-24).
Allo stesso modo Osea: “Poiché desidero il bene, non il sacrificio;  obbedienza a Dio, piuttosto che offerte bruciata ”(Osea 6: 6).
Troviamo una critica simile in diversi Salmi.  “Se avessi fame, non te lo direi, perché il mio è il mondo e tutto ciò che contiene.  Mangio la carne di tori o bevo il sangue di capre?”  (Sal.50: 8-15).  “Signore, apri le mie labbra e lascia che la mia bocca dichiari la tua lode.  Non vuoi che io porti sacrifici;  Non desideri offerte bruciate.  Il vero sacrificio a Dio è uno spirito contrito;  Dio, non disprezzerai un cuore contrito e schiacciato” (Sal 51: 17-19).
Geremia sembra suggerire che l’ordine sacrificale non era l’intenzione iniziale di Dio: “Perché quando ho liberato i tuoi padri dalla terra d’Egitto, non ho parlato con loro né gli ho dato comandamenti riguardo alle offerte da bruciare o al sacrificio.  Ma questo è ciò che ho comandato loro: “Fai le mie offerte, affinché io possa essere il tuo Dio e tu possa essere il Mio popolo;  cammina solo nel modo in cui ti ordino, affinché possa vivere bene con te” (Ger. 7: 22-23).
Il più forte di tutti è il passaggio all’inizio del libro di Isaia che leggiamo a Shabbat Chazon (prima di Tisha b’Av): “’Che bisogno ho di tutti i tuoi sacrifici?’ Dice il Signore. Sono sazio degli olocausti degli arieti e del grasso dei bovini ingrassati;  e non voglio il sangue di tori, pecore e capre. Quando venite davanti a me, chi vi ha chiesto questo, di calpestare i miei cortili? Non porterai più inutili offerte di pasti, è fumo di abominio per Me; nel capo mese e di Shabbath non convocate adunanze, Io non posso sopportare l’iniquità unità all’assemblea solenne. (Is 1: 11-13).
Tutta questa linea di pensiero gridata da molte voci e sostenuta nei secoli è straordinaria.  La gente veniva criticata non per aver disobbedito alla legge di Dio, ma per aver obbedito.  I sacrifici furono comandati.  La loro offerta era un atto sacro compiuto in un luogo santo. Cosa suscitò quindi la rabbia e il rimprovero dei Profeti?
Non stavano criticando l’istituzione dei sacrifici.  Stavano criticando qualcosa di reale ora, come lo era ai loro tempi.  Ciò che li angosciava nel profondo del loro essere, era l’idea che potevi servire Dio e allo stesso tempo agire con disprezzo, crudelmente, ingiustamente, insensibilmente o egoisticamente verso le altre persone.
“Finché sono nelle buone grazie di Dio, questo è tutto ciò che conta.”  Questo è il pensiero che ha reso i profeti incandescenti dall’indignazione.  Se pensate che, sembrano dire, allora non avete capito né Dio né la Torà.
La prima cosa che la Torah ci dice sull’umanità è che siamo ciascuno a immagine e somiglianza di Dio stesso.  Quindi se sbagli a essere umano, stai abusando dell’unica creazione nell’universo su cui Dio ha impostato la sua immagine. Un peccato contro qualsiasi persona è un peccato contro Dio. “Non puoi pretendere di servire Dio, se agisci con disprezzo, crudelmente, ingiustamente, insensibilmente o egoisticamente  verso le altre persone.”
È specificamente nel libro dei sacrifici, Vayikra, che troviamo le indicazioni per amare il tuo prossimo come te stesso e amare lo straniero (Lev. 19:18, 33-34).  I sacrifici che esprimono il nostro amore e timore reverenziale di Dio dovrebbero, appunto, condurre all’amore per il prossimo e lo straniero.  Dovrebbe esserci una uniformità di continuità tra i precetti tra noi e Dio e quelli tra noi e i nostri simili.
Amos, Osea, Isaia, Michea e Geremia sono stati tutti testimoni di una
società in cui le persone erano scrupolose nel portare le loro offerte al Tempio, ma nella stessa società vi era anche corruzione, perversione della giustizia, abuso di potere e sfruttamento dell’impotente da parte dei potenti.  I profeti hanno visto in questo una contraddizione profonda e pericolosa.
L’atto stesso di offrire un sacrificio era intriso di ambiguità.  Gli ebrei non erano le uniche persone nei tempi antichi ad avere templi, sacerdoti e sacrifici.  Quasi tutti lo facevano. Era proprio qui che la religione dell’antico Israele si avvicinava, esternamente, alle pratiche dei loro vicini pagani.  Ma i sistemi sacrificali di altre culture erano basati su credenze totalmente diverse.  In molte religioni i sacrifici erano visti come un modo per adorare o placare gli dei.
Tutte queste idee sono estranee all’ebraismo.  Dio non può essere corrotto o placato.  Né possiamo portargli tutto ciò che non è suo.  Dio sostiene l’universo: l’universo non lo sostiene.  E i torti corretti dal sacrificio non giustificano altri torti.  Quindi l’intenzione e la mentalità erano essenziali nel sistema sacrificale.
Il pensiero che “Se porterò un sacrificio a Dio, tralascerà le mie altre colpe” – in effetti, l’idea di poter corrompere il giudice di tutta la terra – trasforma un atto sacro in un atto pagano e produce esattamente il risultato opposto di quello voluto dalla Torah. Trasforma l’adorazione religiosa da una strada verso il bene, in un modo per alleviare la coscienza di coloro che praticano il male.
Conoscere Dio è sapere come agire con gentilezza e giustizia. Il pericolo del sistema sacrificale, hanno detto i profeti, è che può indurre le persone a pensare che ci sono due domini, il Tempio e il mondo, servire Dio e prendersi cura dei propri simili, che però sono disconnessi. L’ebraismo rifiuta il concetto di due domini disconnessi.  Halachikhamente sono distinti, ma psicologicamente, eticamente e spiritualmente fanno parte di un unico sistema indivisibile.

Credo che amare Dio sia amare i nostri simili.  Onorare Dio è onorare i nostri simili. Non possiamo chiedere a Dio di ascoltarci se non siamo disposti ad ascoltare gli altri.  Non possiamo chiedere a Dio di perdonarci se non siamo disposti a perdonare gli altri. Conoscere Dio significa cercare di imitarlo, il che significa, disse Geremia e Maimonide, esercitare gentilezza, giustizia e onestà sulla terra.

Di Rabbi Jehonatan Sacks 

 

Menu