una parashà

Parashat Vayetzé. Perché Giacobbe è il vero padre del popolo ebraico

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Cos’è che ha reso Yaacov, non Abramo, Isacco o Mosè, il vero padre del popolo ebraico?

Siamo chiamati la “congregazione di Giacobbe”, “i figli di Israele”. Giacobbe / Israel è l’uomo di cui portiamo il nome. Eppure Giacobbe non iniziò il viaggio ebraico; Abraham lo fece. Giacobbe non dovette affrontare un processo come quello di Isacco alla Legatura. Non condusse il popolo fuori dall’Egitto, né portò loro la Torah. A dire il vero, tutti i suoi figli rimasero nella fede, a differenza di Abraham o Isacco. Questo porta a porci ancora di più la domanda, perché riuscì dove Abraamo e Isacco fallirono?

Sembra che la risposta si trovi nella parashat Vayetze e nella parashat Vayishlach. Giacobbe era l’uomo le cui visioni più grandi gli venivano quando era solo e di notte, lontano da casa, in fuga da un pericolo all’altro. Nella parshat Vayetze, scappando da Esaù, si ferma e si riposa per la notte con solo pietre su cui sdraiarsi, e fece un sogno in cui vide una scala appoggiata sulla terra, con la sua cima che raggiungeva il cielo, e gli angeli di Dio stavano salendo e scendendo su di essa … Quando Giacobbe si svegliò dal suo sonno, pensò: “Sicuramente il Signore è in questo posto e io non ne ero consapevole.” Aveva paura e disse: “Com’è fantastico questo posto! Questa non è altro che la casa di Dio; questa è la porta del paradiso “. (Gen. 28: 12-17)

Nella parashat Vayishlach, in fuga da Labano e terrorizzato all’idea di incontrare di nuovo Esaù, lotta da solo di notte con uno sconosciuto senza nome: poi l’uomo disse: “Il tuo nome non sarà più Giacobbe, ma Israele, perché hai lottato con Dio e con gli esseri umani e hai vinto”. … Così Giacobbe chiamò il luogo Peniel, dicendo: “È perché ho visto Dio faccia a faccia, eppure la mia vita è stata risparmiata.” (Genesi 32: 29–31)

Questi sono gli incontri spirituali decisivi della vita di Giacobbe, eppure avvengono nello spazio liminale (uno spazio di mezzo, né un punto di partenza né una destinazione), in un momento in cui Giacobbe è a rischio in entrambe le direzioni – da dove viene e dove si trova e dove sta andando. Eppure è in questi punti di massima vulnerabilità che incontra Dio e trova il coraggio di continuare nonostante tutti i rischi del viaggio.

Questa è la forza che Giacobbe ha lasciato in eredità al popolo ebraico. Ciò che è notevole non è solo che questo minuscolo popolo sia sopravvissuto a tragedie che avrebbero segnato la fine di qualsiasi altro popolo: la distruzione di due templi; le conquiste babilonesi e romane; le espulsioni, persecuzioni e pogrom del Medioevo; l’ascesa dell’antisemitismo nell’Europa del XIX secolo; e l’Olocausto. È davvero sorprendente che dopo ogni cataclisma il giudaismo si sia rinnovato, scalando nuove vette di conquista.
Durante l’esilio babilonese, il giudaismo intensificò il suo impegno con la Torah. Dopo la distruzione romana di Gerusalemme produsse i grandi monumenti letterari della Torah orale: Midrash, Mishnah e Gemara. Durante il Medioevo, ha prodotto capolavori di diritto e commento, poesia e filosofia della Torah. Solo tre anni dopo l’Olocausto proclamò lo Stato di Israele, il ritorno degli ebrei alla storia dopo la notte più buia dell’esilio.

Quando sono diventato per la prima volta Rabbino Capo ho dovuto sottopormi a una visita medica. Il dottore mi ha fatto camminare a passo svelto su un tapis roulant. “Cosa stai testando?” Gli ho chiesto. “Quanto posso andare veloce o in quanto tempo?” “Nessuno delle due”, ha risposto. “Osserverò quanto tempo impiega il tuo polso per tornare alla normalità, dopo che sei sceso dal tapis roulant.” È stato allora che ho scoperto che la salute si misura dal potere del recupero.

Questo è vero per tutti, ma doppiamente per i leader e per il popolo ebraico, una nazione di leader. (Questo, credo, è ciò che la frase “un regno di Sacerdoti “[Eso. 19: 6] significa).
I leader soffrono di crisi. Questo è un dato di fatto, la salute si misura dal potere del recupero. Questo è vero per tutti, ma doppiamente per I leader e per il popolo ebraico, una nazione di leader “. Succedono cose brutte e, quando accadono, il leader deve prendere su di loro la tensione, in modo che gli altri possano dormire facilmente nei loro letti.

La leadership, soprattutto nelle questioni di spirito, è profondamente stressante. Quattro figure nel Tanach – Mosè, Elia, Geremia e Giona – pregarono effettivamente di morire piuttosto che continuare. Questo non era vero solo in passato. Abraham Lincoln ha sofferto di profondi attacchi di depressione. Così ha fatto Winston Churchill, che lo ha definito il suo “cane nero”. Il Mahatma Gandhi e Martin Luther King Jr. hanno entrambi tentato il suicidio nell’adolescenza e hanno sperimentato una malattia depressiva nella vita adulta. Lo stesso valeva per molti grandi artisti creativi, tra cui Michelangelo, Beethoven e Van Gogh. È la grandezza che porta a momenti di disperazione o i momenti di disperazione che portano alla grandezza? Chi guida interiorizza gli stress e le tensioni del proprio tempo? O coloro che sono abituati allo stress nelle loro vite emotive, trovano sollievo nel condurre vite eccezionali?

Finora non c’è una risposta convincente a questo nella letteratura. Ma Giacobbe era un individuo emotivamente più instabile di Abramo, che era spesso sereno anche di fronte a grandi prove, o di Isacco, che era particolarmente chiuso. Giacobbe aveva paura; Giacobbe amava; Yaacov ha trascorso più tempo in esilio rispetto agli altri patriarchi. Ma Yaacov resistette e insistette. Di tutte le figure in Genesi, era il grande sopravvissuto.

La capacità di sopravvivere e di riprendersi fa parte di quello che serve per essere un leader. È la volontà di vivere una vita di rischi, che rende tali individui diversi dagli altri. Così ha detto Theodore Roosevelt in uno dei più grandi discorsi mai fatti sull’argomento: “Non è il critico che conta; non è l’uomo che fa notare come l’uomo forte inciampa, o dove chi compie le azioni avrebbe potuto farle meglio. Il merito è dell’uomo che è effettivamente nell’arena, il cui volto è deturpato dalla polvere, dal sudore e dal sangue; chi si sforza valorosamente; chi sbaglia, chi viene contro ancora e ancora, perché non c’è sforzo senza errore e mancanza; ma chi si sforza effettivamente di compiere le azioni; che conosce grandi entusiasmi, grandi devozioni; che si spende in una causa degna; chi nel migliore dei casi conosce alla fine il trionfo delle grandi conquiste, e chi nel peggiore dei casi, se fallisce, almeno fallisce osando grandemente, in modo che il suo posto non sarà mai con quelle anime fredde e timide che non conoscono né vittoria né sconfitta״.

Giacobbe sopportò la rivalità di Esaù, il risentimento di Labano, la tensione tra mogli e figli, la morte prematura della sua amata Rachele e la perdita – per ventidue anni del suo figlio prediletto, Joseph. Disse al Faraone: “Pochi e malvagi sono stati i giorni della mia vita” (Gen. 47: 9). Eppure, è sulla sua via che “incontrò” gli angeli, che lottarono con lui, che salivano la scala per il paradiso, che illuminarono la notte con l’aura della trascendenza.

Provare, cadere, avere paura e tuttavia andare avanti: questo è ciò che serve per essere un leader. Quello era Giacobbe, l’uomo che nei momenti più bassi della sua vita ebbe le sue più grandi visioni del paradiso.

Di Rabbi Jehonatan Sacks zl🌳

Menu