Yaakov benedice i suoi figli

Parashat Vayechi. Impariamo a sviluppare diverse qualità

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Leggiamo in Parashat Vayechi delle benedizioni che Yaakov diede a ciascuno dei suoi figli prima della sua morte. La Torah conclude questa sezione affermando: “Tutte queste sono le dodici tribù di Israele, e questo è ciò che il loro padre disse loro e li benedisse – ciascuno secondo la sua benedizione li [Yaakov] li benedisse” (49:28).

Rashi, citando il Midrash (Tanchuma), spiega notoriamente la clausola finale in questo verso – “beirakh otam” (“li benedisse”) – per indicare che Yaakov ha conferito tutte le benedizioni a tutti i suoi figli. Nelle parole di Rashi: “Dato che ha concesso a Yehuda il potere di un leone, a Binyamin la ‘presa’ di un lupo, e a Naftali la velocità di un ariete, forse non li ha inclusi in tutte le benedizioni? Il verso afferma quindi: “Li benedisse”. Questa clausola finale, secondo il Midrash, indica che sebbene Yaakov abbia concesso a ogni figlio una benedizione unica e individuale, ha anche incluso tutti i figli in tutte le benedizioni specifiche.

Il commento del Midrash solleva la questione del motivo per cui Yaakov avrebbe conferito benedizioni individuali ai suoi figli, se poi li ha inclusi tutti in tutte le benedizioni. Che scopo c’era nel benedire Yehuda con forza, Naftali con velocità e così via, se comunque avessero tutti ricevuto le reciproche benedizioni?

Rav Nachum Mordechai di Novominsk, nel suo Pe’er Nachum, offre una spiegazione approfondita. Le benedizioni individuali riflettono la realtà che persone diverse, necessariamente, eccelleranno e brilleranno in aree diverse. Ogni individuo deve identificare i suoi punti di forza e talenti personali che può poi coltivare per dare il suo contributo unico. Ad ogni tribù è stata data una benedizione particolare perché ogni gruppo – e ogni persona – riceve una serie specifica di abilità da sviluppare e sfruttare. Tuttavia, ha spiegato il Rebbe di Novominsk, ci sono momenti in cui sorge un grande bisogno e in cui siamo quindi chiamati a estenderci oltre la nostra “zona di comfort”, oltre i nostri talenti naturali. La Mishna in Avot (2:5) insegna notoriamente: “Bi-mkom she-ein anashim hishtadeil liheyot ish” – “In un luogo dove non ci sono persone, sforzati di essere una persona”.

Rav Moshe Chaim Luzzato, come cita il Rebbe di Novominsk, spiega che la Mishna insegna che quando non c’è nessuno sufficientemente qualificato o devoto per ricoprire adeguatamente un ruolo necessario, bisogna farsi avanti per assumerlo. Anche se quel ruolo non è quello per cui è naturalmente adatto, “hishtadeil” – deve lavorare sodo ed esercitare uno sforzo per soddisfare il bisogno.

Anche se a Yehuda è stata assegnata la forza, a Naftali la velocità e così via, Yaakov ha benedetto ogni tribù con la capacità di raggiungere le qualità uniche delle altre tribù quando ciò diventa necessario. Sebbene ognuno di noi abbia i suoi particolari punti di forza, dobbiamo essere preparati, quando se ne presenta la necessità, a intervenire nelle nostre aree da sviluppare maggiormente e lavorare sodo per un compito da espletare, che altri non stanno portando a termine.

Di Rav David Silverberg

Menu