Nella parashà di Vayakel-Pekudei si parla dell'incenso che bruciava sul Mishkan

Parashat Vayakel-Pekudè. Bisogna celebrare gli altri per motivarli

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Se i leader vogliono tirare fuori il meglio da coloro che guidano, devono dare loro la possibilità di dimostrare di essere capaci di grandi cose, e poi devono celebrare i loro risultati. Questo è ciò che accade in un momento chiave verso la fine delle nostre parashot, quello che porta il libro dell’Esodo/Shemot a una conclusione sublime dopo tutte le lotte che ci sono state prima.

Gli israeliti hanno finalmente completato l’opera di costruzione del Tabernacolo. Leggiamo:
“Quindi tutto il lavoro sul Tabernacolo, la tenda del convegno, fu completato. Gli israeliti fecero ogni cosa proprio come il Signore aveva comandato a Mosè… Mosè ispezionò il lavoro e vide che lo avevano fatto proprio come il Signore aveva comandato. Così Mosè li benedisse.” (Es. 39:32, 43)

Il brano sembra abbastanza semplice, ma all’orecchio esperto ricorda un altro testo biblico, dalla fine del racconto della Creazione nella Genesi: “I cieli e la terra furono completati in tutto il loro vasto schieramento. Il settimo giorno Dio terminò il lavoro che aveva fatto; così il settimo giorno si riposò da tutta la Sua opera. “Quindi Dio benedisse il settimo giorno e lo rese santo, perché su di esso si riposò da tutta l’opera di creazione che aveva fatto.” (Genesi 2: 1-3)

Tre parole chiave compaiono in entrambi i passaggi: “lavoro“, “completato” e “benedetto“. Questi echi verbali non sono accidentali. Sono il modo in cui la Torah segnala l’intertestualità, suggerendo che una legge o una storia deve essere letta nel contesto di un’altra. In questo caso, la Torah sta sottolineando che l’Esodo finisce come è iniziata la Genesi, con un’opera di creazione. Notate la differenza e la somiglianza. La genesi è iniziata con un atto di creazione divina. L’esodo si conclude con un atto di creazione umana.

Più esaminiamo da vicino i due testi, più vediamo quanto sia stato costruito il parallelo in modo complesso. Il racconto della creazione in Genesi è strettamente organizzato attorno a una serie di sette. Ci sono sette giorni di Creazione. La parola “buono” appare sette volte, la parola “Dio” trentacinque volte e la parola “terra” ventuno volte. Il versetto iniziale della Genesi contiene sette parole, il secondo quattordici e i tre versetti finali 35 parole. Tutti i multipli di sette. Il testo completo è di 469 (7 × 67) parole.

Il racconto della costruzione del Tabernacolo in Vayakhel-Pekudei è similmente costruito attorno al numero sette. La parola “cuore” appare sette volte in Esodo 35: 5-29, quando Mosè specifica i materiali da usare nella costruzione, e sette volte ancora in 35:34 – 36: 8, la descrizione di come gli artigiani Bezalel e Oholiav eseguiranno il lavoro. La parola terumah, “contributo” appare sette volte in questa sezione. Nel capitolo 39, che descrive la realizzazione dei paramenti sacerdotali, la frase “come Dio aveva comandato a Mosè” ricorre sette volte. Si ripete sette volte nel capitolo 40.

Un notevole parallelo viene tracciato tra la creazione dell’universo da parte di Dio e la creazione del Santuario da parte degli israeliti. Adesso capiamo cosa rappresentava il Santuario. Era un micro-cosmo, un universo in miniatura, costruito con la stessa precisione e “saggezza” dell’universo stesso, un luogo d’ordine contro l’assenza di forma del deserto e il caos sempre minaccioso del cuore umano. Il Santuario era un ricordo visibile della Presenza di Dio all’interno del campo, esso stesso una metafora della Presenza di Dio all’interno dell’Universo nel suo insieme.

Sta prendendo forma un’idea grande e fatidica. Gli israeliti – che sono stati descritti per gran parte dell’Esodo come ingrati e poco convinti – hanno ora avuto l’occasione, dopo il peccato del vitello d’oro, di dimostrare che non sono irredimibili, e hanno colto questa opportunità. Si sono dimostrati capaci di grandi cose. Hanno dimostrato di poter essere creativi. Hanno usato la loro generosità e abilità per costruire un mini-universo. Con questo atto simbolico hanno dimostrato di essere in grado di diventare, nella potente frase rabbinica, “i partner di Dio nell’opera della creazione”.

Questo è stato fondamentale per la loro rimoralizzazione e per la loro immagine di sé come popolo dell’alleanza di Dio. Il giudaismo non ha una visione bassa delle possibilità umane. Non crediamo di essere contaminati dal peccato originale. Non siamo incapaci di grandezza morale. Al contrario, il fatto stesso che siamo a immagine del Creatore significa che noi esseri umani – in modo univoco tra le forme di vita – abbiamo la capacità di essere creativi. Quando la prima conquista creativa di Israele raggiunse il suo culmine, Mosè li benedisse, dicendo, secondo i Saggi: “Possa essere la volontà di Dio che la Sua Presenza riposi nell’opera delle vostre mani”. La nostra potenziale grandezza è che possiamo creare strutture, relazioni e vite che diventano case per la Presenza Divina. Benedicendoli e celebrando il loro successo, Mosè mostrò loro quello che potevano essere. Questa è potenzialmente un’esperienza che cambia la vita.

L’idea che ognuno di noi abbia una quota fisso di intelligenza, virtù, capacità accademica, motivazione e impulso è assurda. Non tutti possiamo dipingere come Monet o comporre come Mozart. Ma ognuno di noi ha doni, capacità, che possono rimanere dormienti per tutta la vita finché qualcuno non li sveglia. Possiamo raggiungere altezze di cui non avremmo mai creduto di essere capaci. Tutto ciò che serve è incontrare qualcuno che crede in noi, ci sfida e poi, quando abbiamo risposto alla sfida, benedice e celebra i nostri risultati. Questo è ciò che Mosè fece per gli israeliti dopo il peccato del vitello d’oro. Prima li convinse a creare, e poi benedisse loro e la loro creazione con una delle benedizioni più semplice e commovente, che la Shechinah dimorasse nell’opera delle loro mani.

La celebrazione è una parte essenziale della motivazione. Si è trasformata in una scuola di vita. In un’epoca precedente e in un contesto più sacro cambiò gli israeliti. Quindi festeggiamoli perché quando celebriamo i risultati degli altri, cambiamo la vita.
Di Rav Jonathan Sacks

Menu