Parashat Chukat

Parashat Vaetchannan

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò

Il famoso autore e docente TED* Simon Sinek ha recentemente pubblicato un libro intitolato The Infinite Game. Basato sulla distinzione tra due tipi di impresa. Uno, un gioco finito, ha un punto iniziale e finale. Obbedisce alle regole, riconosce i confini e ha vincitori e vinti. La maggior parte degli sport è così. Spesso, la politica è cosí: ci sono campagne, elezioni, regole e regolamenti, candidati vincenti e sconfitti. Le imprese possono essere gestite in questo modo, concentrandosi su profitti trimestrali, prezzo delle azioni, quote di mercato e simili.

Ma ci sono anche giochi infiniti. Questi non hanno un punto di partenza o un traguardo, né vincitori e vinti chiari, regole o confini concordati. L’arte è così. Lo sono anche la musica e la letteratura. La politica può essere così quando sale al di sopra dei sondaggi d’opinione e pone la sua visione su questioni più ampie di giustizia, uguaglianza e salute morale della società. L’istruzione è un gioco finito quando si concentra sui risultati e le qualifiche degli esami, oppure può essere un gioco infinito quando si tratta di ampiezza e profondità di comprensione e sviluppo del personaggio.

Le partite finite vengono giocate per vincere.
I giochi infiniti sono giocati per se stessi.
I giochi finiti vengono solitamente eseguiti di fronte a un pubblico di qualche tipo. I giochi infiniti sono partecipativi. Ci impegniamo perché siamo cambiati da loro. Van Gogh non aveva bisogno di vendere quadri per considerare l’arte degna di nota. Beethoven non cercava popolarità quando scrisse le sue ultime sonate e quartetti. James Joyce non puntava a un bestseller quando scrisse Ulisse.

Le partite infinite non sono un mezzo per raggiungere un fine: vincere il campionato, battere il mercato, vincere alle elezioni. Invece sono ciò che gli psicologi chiamano autotelici, cioè contengono il loro scopo in se stessi. Li facciamo perché l’attività è intrinsecamente creativa, impegnativa, edificante e nobilitante.
Ormai dovrebbe essere chiaro che questi non sono semplicemente due tipi di gioco. Sono due modi diversi di giocare.

Se, in qualsiasi paese in qualsiasi momento, la politica viene trattata come un gioco finito in cui tutto ciò che conta sono la popolarità e i risultati elettorali, allora diventa rapidamente superficiale, banale, poco interessante. La qualità della leadership diminuisce.
Il pubblico diventa cinico e disilluso. La fiducia viene erosa e il legame sociale si sfilaccia. Quando la politica è sollevata da un senso della storia e del destino da parte dei suoi leader, quando diventa non la ricerca del potere ma una forma di servizio agli altri e responsabilità sociale, quando è guidata da alti ideali e aspirazione etica, allora la leadership diventa statismo e la politica stessa una nobile vocazione.

Questo non significa denigrare i giochi finiti. Ne abbiamo bisogno, perché in molte sfere della vita abbiamo bisogno di regole, confini e limiti di tempo. Ma dobbiamo anche avere spazio per infiniti giochi perché sono tra le più alte espressioni dello spirito umano.

Queste riflessioni sono provocate da due versi della parashà di oggi: “Assicurati di osservare i comandamenti, i decreti e le leggi che il Signore tuo Dio ti ha imposto. Fai ciò che è giusto e buono agli occhi del Signore …“ (Deut. 6:17-18)

Il problema qui è che il primo versetto sembra coprire tutti i 613 del mitzvot della Torah. Sono comandamenti, decreti o leggi. Perché allora la Tora aggiunge: “Fai ciò che è giusto e buono agli occhi del Signore”? Sicuramente fare ciò che è giusto e buono non è altro che il rispetto dei comandamenti, dei decreti e delle leggi di Dio. Non sono due modi di dire la stessa cosa? Tuttavia, come spiega Talmud (Baba Metzia 108a): “E farai ciò che è giusto e buono agli occhi del Signore”, significa che non si dovrebbe compiere un’azione che non sia giusta e buona, anche se sono legalmente autorizzati a farlo. Questa è la base di un’importante legge nel giudaismo, -dina debar metzra-, “la legge della proprietà adiacente”. Quando un proprietario terriero viene a vendere un tratto di terra, il proprietario della terra adiacente ha il diritto di acquistarlo. Se viene venduto a qualcun altro, l’acquirente deve restituire la terra al vicino che poi li rimborsa per il prezzo pagato.
Questa legge non riguarda la proprietà fondiaria in quanto tale. In generale, un proprietario terriero ha il diritto di vendere a chiunque scelga. Si tratta di fare “bene e il bene”, quello che le persone a volte chiamano menschlichkeit. Per il vicino, l’acquisto della terra è un bene immenso. Possono espandersi senza dissipare le loro proprietà terriere in luoghi diversi. Per gli estranei, perdere questo acquisto non è una perdita significativa perché possono acquisire altri campi altrove. La legge di bar metzra si discosta dai soliti principi di legge al fine di raggiungere un fine morale: aiutare il prossimo.

Rashi, basandosi su questo passaggio talmudico, afferma che fare “bene e il bene” agli occhi del Signore significa “compromesso, agire al di là delle rigide esigenze della legge”. Il significato è: ho alcuni diritti legali, ma potrei decidere di non esercitarli perché il benessere di qualcun altro potrebbe essere danneggiato se lo faccio. “All’interno” significa “Non vado oltre il limite premendo il mio legittimo reclamo. Ho scelto di rinunciare al mio diritto.”
“Quando la politica è guidata da alti ideali e aspirazione etica, allora la leadership diventa statismo e la politica stessa una nobile vocazione”.

L’intenzione è che dall’inizio Dio ha detto di osservare i comandamenti, le testimonianze e le leggi di Dio come Egli le ha comandate.
E ora dice: anche riguardo a ciò che Dio non ha comandato, presta attenzione a fare ciò che è buono e giusto ai Suoi occhi, perché Dio ama la bontà e la giustizia. Ciò è importante perché è impossibile menzionare nella Torah tutti i dettagli del comportamento delle persone con vicini e amici, condotta aziendale o ordinanze locali.
La Torah menziona molte di queste leggi, come ad esempio: “Non spettegolare”, “Non devi vendicarti o non portare rancore”, “Non starai pigramente accanto al sangue del tuo prossimo”, “Non insulterai i sordi”, “Risorgerai prima degli anziani” e così via. Ora afferma in generale che si dovrebbe fare ciò che è buono e giusto riguardo a tutto, compresi i compromessi e le azioni oltre le rigide esigenze della legge.

Nei termini che abbiamo incontrato all’inizio di questo saggio: non tutta la Torah è un gioco finito. Gran parte lo è. Ci sono regole, comandi, decreti e leggi. C’è l’Halakhà. Ci sono confini: latte, carne, dominio pubblico, dominio privato. Ci sono inizi e finali: il primo tempo per dire la mattina Shema e l’ultimo per dirlo la sera. Ci sono successi e sconfitte: uno completa o un’altro non completa il conteggio di Omer. Tutto questo è limitato anche se è dedicato all’Uno-che-è-Infinito.

Ramban puntualizza che ci sono aree significative della vita morale che non possono essere ridotte a regole. Questo perché le regole riguardano le generalità e le vite umane sono particolari. Siamo tutti diversi. Così è ogni situazione in cui ci troviamo. Le persone buone sanno quando parlare, quando tacere, quando lodare, quando sfidare. Sentono la parola non detta, avvertono il dolore nascosto, si concentrano sull’altra persona piuttosto che su stessi e sono guidati da una morale profondamente interiorizzata un senso che li porta istintivamente lontano da qualcosa di meno giusto e del buono. Il “giusto e il buono nella vista del Signore ”riguarda la parte della vita morale che è un gioco infinito.

C’è un bel resoconto di una persona simile, nel Salmo 15:
“Uno il cui cammino è irreprensibile, che fa ciò che è giusto, che dice la verità dal suo cuore … che non fa nulla di male a un vicino e non lancia insulti agli altri; … che mantiene un giuramento anche quando fa male, e non cambia idea … Chiunque faccia queste cose non sarà mai scosso”.

Credo che commettiamo un errore fondamentale quando pensiamo che tutto ciò che dobbiamo sapere e mantenere siano le regole che governano le interazioni tra adam le-chaveró, tra noi e i nostri compagni. Le regole sono essenziali ma anche incomplete. Dobbiamo sviluppare una coscienza che non ci permetta di sbagliare, ferire o ferire qualcuno anche se le regole ci permettono di farlo. La vita morale è un gioco infinito che non può essere ridotto a regole. Dobbiamo imparare e interiorizzare il senso di “giusto e buono”. Di Rabby Jehonatan Sacks

*TED (Technology Entertainment Design) è una serie di conferenze, chiamate anche TED talks, gestite dall’organizzazione privata non-profit statunitense Sapling Foundation. TED, che è nato nel febbraio 1984 come evento singolo e nel 1990 si è trasformato in una conferenza annuale, era inizialmente focalizzato su tecnologia e design, coerentemente con la sua origine nella Silicon Valley, ma in seguito ha esteso il suo raggio di competenza al mondo scientifico, culturale e accademico.

Shabbat Roma 20.11-21.14
Shabbat Milano 20.36-21.41
Shabbat Jerushalaim 19.00-2014
Shabbat Tel Aviv 19.20-20.17

Menu