Parashat terumà

Parashat Terumà. La costruzione del Tabernacolo, per non abbandonare mai la Torah

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Il Midrash (Shemot Rabba 33: 1), commentando l’inizio della Parashat di Teruma, cita il famoso verso del Mishlei (4:2), “Ki lekach tov natati lakhem Torati al ta’azovu” – “Perché ti ho dato del bene;  non abbandonare la mia Torà. ”  Dio ci ha “venduto” la Torah, spiega Midrash, rinunciando alla proprietà su di essa e consegnandola in nostro possesso, per così dire.  Tuttavia, a differenza di altre transazioni, il Midrash commenta che si traduce nel completo distacco del venditore dalla merce, nel caso di Dio dalla Torah. Si è venduto, per così dire, con la Torah.

Il comando di costruire un Mishkan dopo che Benei Yisrael ha ricevuto la Torah esprime il fatto che Dio desidera risiedere con noi dopo averci dato la Torah.  Non voleva staccarsi completamente dalla Torah, e così ordinò a Benei Yisrael di costruire un posto dove “risiedere” tra noi e stare vicino, per così dire, alla Torah.  Il Midrash quindi interpreta la frase, “… non abbandonare la mia Torà” per significare “Non abbandonare la merce che ti ho dato.”  Questa merce è così preziosa che Dio non ha voluto lasciarla dopo averla “venduta” a Benei Yisrael.  Non dovremmo quindi mai abbandonare questo prezioso bene, così come Dio stesso ha rifiutato di abbandonarlo.
Il Kotzker Rebbe sviluppa questo confronto tracciato dal Midrash tra Torah e commercio, e suggerisce una spiegazione per l’ammonizione di non “abbandonare” mai questa impresa.  Quando un commerciante scopre che i suoi sforzi non hanno successo, non si dispera semplicemente.  Guadagnare da vivere è troppo importante per una persona, che non può semplicemente rinunciare dopo aver fallito.  Quando le attività professionali o commerciali di una persona non hanno successo, con ogni probabilità raddoppierà i suoi sforzi e ripenserà il suo approccio al fine di aumentare le sue possibilità di successo.  Poiché ha bisogno di sostenere se stesso e la sua famiglia, non si dispererà semplicemente.  Farà tutto il possibile per avere successo.

Questo, suggerisce Kotzker Rebbe, è l’intento del Midrash quando indica: “Non abbandonare la merce che ti ho dato.”  Se i nostri sforzi nello studio e nell’osservanza della Torah non hanno successo, quando sperimentiamo un declino spirituale o momenti di fallimento e vergogna, non dobbiamo disperare.  I nostri sforzi della Torah devono essere garantiti non meno importanti dei nostri sforzi professionali o imprenditoriali, e quindi quando ci troviamo a lottare o addirittura a fallire, l’unica risposta accettabile è continuare a provare.  Come in una professione o in un’azienda, probabilmente dovremo apportare cambiamenti significativi e perseguire altre strade di successo, ma non possiamo disperare.  Invece di sentirci scoraggiati, dobbiamo riconoscere che in tutti gli ambiti della vita vivremo sia periodi di successo che periodi di declino, e il nostro compito è investire costantemente nello sforzo e raggiungere il meglio delle nostre capacità.

Di Rav David Silverberg Yeshivat Har Etzion
Menu