tazria

Parashat Tazria e Parashat Metzorà

Appunti di Parahà a cura di Lidia Calò
Il Midrash (Vayikra Rabba 15:6) nota che la Torah nella Parashat Tazria contrappone la sua discussione sul “korban yoledet” – lo speciale sacrificio portato da una donna dopo il parto – e le leggi di tzarat (lesione della pelle).

Rav Yochanan, come cita il Midrash, offre una spiegazione per la connessione tra questi due argomenti: “Dio disse: ti avevo detto di portare un sacrificio per il parto, e tu non l’hai fatto;  per la tua vita ti costringerò ad andare da un kohen … ”.
Secondo Rav Yochanan, le infezioni da tzarat emergerebbero come una punizione per una persona che decide avidamente di non offrire – o di non permettere a sua moglie di offrire – il sacrificio  richiesto dopo il parto.
Se uno rifiuta di andare al Beit Ha-mikdash e offrire un sacrificio al kohen, finirà per andarci per uno scopo molto meno felice – cioè per esaminare la sua sospetta infezione da tzarat.
Forse è per questo motivo che Rav Yochanan cita qui  il versetto che conclude la parte che tratta queste leggi: “Se non può permettersi una pecora …” (12: 8).
La Torah richiede alla donna dopo il parto di portare una pecora, ma aggiunge una disposizione secondo cui se le sue condizioni finanziarie non le consentono di portare un sacrificio animale, ha la possibilità di offrire invece due piccoli uccelli.
Rav Yochanan nota che questo versetto appare immediatamente prima della parte che discute le leggi di tzarat, e per questo da la sua spiegazione per il collegamento tra i due argomenti.
È possibile che rav Yochanan abbia citato specificamente questo versetto, semplicemente perché è il verso finale della parte che si occupa del precetto del korban yoledet che costituisce il collegamento tra questo precetto e il  significato della lesione  da tzarat.
Potremmo considerare la possibilità che rav Yochanan parli qui, non di qualcuno che ignora del tutto il precetto del korban yoledet, ma piuttosto di qualcuno che è in grado di offrire il sacrificio standard, ma invece porta il sacrificio meno costoso.
La persona che Rav Yochanan ammonisce qui ha portato un sacrificio – ma ha deciso di considerare (se stesso) troppo povero per offrire il normale sacrificio, quando in realtà aveva i mezzi per farlo.
La Torà riconosce che in alcune occasioni, e in alcune aree della vita religiosa, potremmo essere “poveri” – meno capaci di altri e di quanto vorremmo essere.  Non ci aspettiamo che la Torah faccia più di quanto possiamo, né dovremmo aspettarci di fare più di quanto possiamo.

È importante riconoscere i nostri limiti e non perdere inutilmente tempo o energia o sopportare stress inutili e dannosi, cercando di estenderci oltre le nostre limitate capacità.  Tuttavia, rav Yochanan qui mette in guardia dal fenomeno di fingere di essere “più poveri” di quanto siamo realmente, di permetterci di raggiungere meno del nostro potenziale con la scusa che non siamo in grado di ottenere di più.  Dobbiamo valutare onestamente quanta “ricchezza” possediamo, riconoscere l’intera portata del nostro potenziale e non sentire il contenuto raggiungere qualcosa di meno.

Rav David Silverberg Yeshivat Har Etzion

 

Menu