Parashat Chukat

Parashat Reé

Appunti di Parasha a cura di Lidia Calò 

La Torah nella Parashat Reè (15:2) introduce il precetto di shemitat kesafim, che richiede la rinuncia dei debiti in sospeso una volta ogni sette anni, durante l’anno della shemità (anno sabbatico). Proprio come tutti gli agricoltori devono considerare i propri prodotti senza proprietario durante l’anno shemità, in modo tale che chiunque possa venire a prenderli, allo stesso modo i creditori devono rinunciare ai loro diritti di rimborso. (Durante il periodo del Secondo Tempio, Hillel ideò il sistema prozbul per aggirare questa legge, un sistema che è ancora comunemente praticato anche oggi. Il Prozbul, ebraico: פרוזבול, fu fondato negli anni del Secondo Tempio di Gerusalemme da Hillel il Vecchio. L’atto, storicamente emesso dai rabbini, ha tecnicamente cambiato lo status dei prestiti privati ​​individuali nella pubblica amministrazione, consentendo ai poveri di ricevere prestiti senza interessi prima dell’anno sabbatico, proteggendo gli investimenti dei finanziatori.

Rav Yisrael di Modzitz, in Divrei Yisrael (Parashat Emor), suggerisce che il messaggio più ampio del precetto della shemitat kesafim è che si applica ed è rilevante per tutti noi, anche per coloro che non prestano denaro. Cita la sentenza del Gemara (Kiddushin 22a) che se uno acquista un servo a contratto, si assume l’obbligo di pagare per i bisogni del servo, così come i bisogni della sua famiglia. Quindi, scrive il Divrei Yisrael, poiché tutti gli Am Yisrael “appartengono” all’Onnipotente come suoi servitori, Egli ha l’obbligo, per così dire, di sostenerci, di fornirci un sostentamento adeguato. E in questo senso, ogni ebreo è un “creditore” – poiché tutti siamo “dipendenti” dal nostro sostentamento che viene da Dio, che ci ha “acquisito” come suoi servitori.

Il requisito dello shemitat kesafim, suggerisce il Modzitzer Rebbe, ci insegna a essere indulgenti nei confronti del “debito” di Dio nei nostri confronti. Anche se ci sentiamo in diritto di avere di più, se ci troviamo a lottare e ci manca ciò di cui abbiamo bisogno o che vogliamo, dobbiamo essere disposti a “rinunciare” al nostro “debito”, proprio come i creditori che devono rinunciare ai loro debiti nell’anno della shemità.

Più in generale, forse, la legge dello shemitat kesafim ci insegna la necessità di essere flessibili e arrendevoli quando si tratta delle nostre richieste e aspettative.
Non tutto ciò che ci è legittimamente dovuto deve essere necessariamente richiesto o perseguito. Certamente, abbiamo ragionevoli aspettative nei confronti di altre persone su cui possiamo insistere – proprio come normalmente, un creditore ha il pieno diritto e ci si aspetta che rivendichi i debiti che gli sono dovuti. Tuttavia, l’eccezione della shemitat kesafim ci mostra che ci sono circostanze particolari che necessitano di flessibilità e per le nostre richieste.

Non abbiamo bisogno e non dovremmo insistere su tutto ciò che riteniamo di meritare giustamente. Dobbiamo esercitare il nostro buon senso, il nostro sano giudizio e la nostra sensibilità nel decidere quando essere insistenti e quando soprassedere nei nostri rapporti interpersonali. Il nostro modello è l’istituzione nella Torah della shemitat kesafim, che ci insegna che sebbene generalmente abbiamo il pieno diritto di esigere ció che ci sia dovuto, a volte la cosa appropriata da fare è perdonare e rinunciare ai nostri diritti.

Di Rav David Silverberg Etzion Beit Midrash

Menu