Noach con l'arca

Parashat Noach. ‘L’Uomo Giusto’ che divenne ‘Uomo della terra’

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Nella D’var Torah di questa settimana per Noach, vorrei spiegare perché dovremmo aspirare a vivere una vita come Moshe piuttosto che come Noach.

Quale sarebbe la tua prima azione?  Diciamo che sei in viaggio per incontrare un bambino o un nipote che non vedevi da molto tempo.  Cosa ti passerebbe per la testa? Sarebbero quei primi pochi momenti preziosi.  L’incontro.  Il calore dell’abbraccio.  Il piacere di essere alla presenza di quella persona speciale.

Quindi ora chiediamo, cosa stava attraversando la mente di Noach nell’Arca durante i 40 giorni del diluvio mentre contemplava quel glorioso momento in cui la terra sarebbe tornata a seccare.  Che cosa farebbe?
Scopriamo la risposta perché la Torah ci dice: “Vayachel Noach Ish Ha’adama Vayitah Karem – Al termine del diluvio, Noach, uomo di terra, riprese la vita piantando un vigneto”. E molto rapidamente, dall’uva  che cresceva, produceva vino e si ubriacava. Quindi ora sappiamo cosa pensava Noach: non vedeva l’ora di ubriacarsi.
Rashi dice perspicace che la parola “Vayachel“, oltre a significare “Noach ha ricominciato la vita” dalla parola “Hitchil – Per ricominciare”, deriva anche dalla parola “Chol” che è l’opposto di “Kodesh”.  “Kodesh” ovviamente è ciò che è sacro e santo.  “Chol” descrive gli aspetti quotidiani della vita.
Invece di guardare avanti per aggiungere “Kedusha – ciò che è sacro” in questo mondo, Noach aspirava a una vita che era radicata nel terreno.
Sforno, uno dei nostri grandi commentatori medievali, contrappone la vita di Noach a quella di Moshe.  Ci ricorda come all’inizio del Parasha, Noach fosse descritto come “Ish Tzadik – Un uomo giusto”. E alla fine del Parasha è “Ish Ha’adama – Uomo della terra“. Mentre all’inizio  della vita di Moshe, è descritto dalle figlie di Yitro, che corrono a casa per annunciare che c’è un nuovo uomo in città, dicendo: “Ish Mitzri Hitzilanu Miyad Haro’im – Un uomo egiziano ci ha salvato dagli altri pastori”.
Moshe inizia come un “Ish Mitzri”, una persona normale all’interno della società.  Il giorno della sua morte, in Parashat Vezot Habracha, ci viene detto che era un “Ish Ha’Elokim – Un uomo di Dio”.
Pertanto Sforno dice che non dovremmo essere come Noach, iniziando la vita come un “Ish Tzadik”;  come bambini angelici benedetti da un grande ambiente familiare ebraico, un’istruzione meravigliosa, satura in un glorioso mondo di “Kedusha” – solo per essere risucchiati in una vita di ciò che è “Chol” in cui si diventa un “Ish Ha’adama”,  con i piaceri materiali e fisici essere l’unica essenza della propria vita.
Piuttosto, dice Sforno, al contrario, dovremmo essere come Moshe.  Iniziando, tutti in questo mondo sono nati allo stesso modo, ma licenziati con potenziale.  Assicuriamoci quindi che durante il viaggio della vita diventeremo persone attaccate all’Onnipotente e condurremo vite di santità.
Se solo potessimo essere tutti come Moshe, per cui il giorno della nostra morte, la gente dirà: “Ora lì, c’era un” Ish Ha “Elokim, una vera persona di Dio”.
Di Chief Rabbi’s Ben Azzai
Menu