una parashà

Parashat Ekev. Il patto e la grazia incondizionata

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Una frase interessante appare alla fine del parashà della scorsa settimana e all’inizio di questa settimana, e sono gli unici posti in cui appare nella Torah. La frase è: “ha-brit veha chessed” (Deuteronomio 7: 9) o nella parashà di questa settimana, “et ha-brit ve-et ha-chessed” (Deut. 7:12).

Sappi quindi che il Signore tuo Dio è Dio;  È il Dio fedele, che mantiene il Brit e il chessed per mille generazioni di coloro che Lo amano e osservano i Suoi comandamenti. (Deut. 7: 9)
Se presti attenzione a queste leggi e stai attento a seguirle, allora il Signore tuo Dio manterrà con te i brit e il chessed, come giurò ai tuoi antenati. (Deut. 7:12)

La frase è strana. La relazione tra Dio e Israele è definita dal Brit, alleanza. Questo, essenzialmente, è il contenuto della Torah. Cosa viene quindi aggiunto dalla parola chessed?

I traduttori hanno un problema con questa definizione. La traduzione della Jewish Publication Society del versetto di apertura della nostra Parasha è: “E se obbedisci a queste regole e le osservi attentamente, il Signore tuo Dio manterrà fedelmente per te l’alleanza che ha fatto su giuramento con i tuoi padri”.
Questo traduce chessed come “fedelmente” e lo considera come una qualifica del verbo “mantenere”. Questa è una traduzione molto diffusa.
Una traduzione non ebraica invece, la nuova versione internazionale, traduce “ha-brit veha-chessed” come “patto d’amore”. Questa è una traduzione molto cristiana. Il patto stipulato tra gli israeliti e Dio era un patto della legge, non solo dell’amore.

Rabbi Aryeh Kaplan, in “The Living Torah”, ha compreso bene quando l’ha tradotto come “Dio tuo Signore manterrà il patto e l’amore con cui ha fatto un giuramento ai tuoi padri”. Non “patto d’amore” ma “patto e amore”.

Ma ancora: qual è l’alleanza e qual è l’amore che è distinto dall’alleanza?
Questo potrebbe sembrare una questione minore se non fosse per il fatto che questa frase, che è rara nel Tanach, fa la sua comparsa in momenti chiave della storia ebraica. Ad esempio, nella preghiera del grande re Salomone alla consacrazione del Tempio di Gerusalemme:
“Signore, Dio di Israele, non c’è nessun Dio come te sopra il cielo o sotto in terra, tu che osservi l’alleanza e l’amore con i tuoi servi che camminano con tutto il cuore sulla tua strada.” (1 Re 8:23)
Quando, dopo l’esilio babilonese, la nazione si radunò intorno a Eszra e Nehemia a Gerusalemme e rinnovò l’alleanza, dissero:
“Ora dunque, nostro Dio, il grande Dio, potente e terribile, che mantiene la Sua alleanza e il Suo amore, non lasciare che tutte queste difficoltà sembrino insignificanti ai Tuoi occhi: le difficoltà che sono venute su di noi, sui nostri re e capi, sui nostri Sacerdoti e profeti, sui nostri antenati e su tutto il tuo popolo, dai giorni dei re di Assiria fino ad oggi. (Ne 9:32)

In questi momenti critici, quando Mosè rinnovò l’alleanza sulle rive del Giordano, quando Salomone inauguró il Tempio, quando il popolo di Ezra e Neemia si riunificó, si occuparono di definire il rapporto tra Dio e il popolo attraverso il Brit e il chessed, alleanza e amore. Sembra che entrambi siano necessari, altrimenti non avrebbero usato questo linguaggio in queste tre occasioni decisive a distanza di molti secoli.

Qual è allora il significato di chessed?
Perché Mosè, Salomone e Neemia definirono la relazione tra il popolo ebraico e Dio non in termini di un unico concetto, alleanza, ma aggiunse ad essa una seconda idea, vale a dire quella di chessed, che significa un atto d’amore?

Il patto è essenzialmente reciproco. Due persone o entità si impegnano a vicenda, ciascuna impegnandosi in una responsabilità. Così è stato definito da Dio sul Monte Sinai: “Ora se mi obbedisci pienamente e mantieni la mia alleanza, allora fuori da tutte le nazioni sarai il mio prezioso possesso, poiché tutta la terra è mia” (Esodo 19:5). Se sei il Mio popolo, io sarò il tuo Dio. Se mi servi, ti benedirò. Ogni alleanza ha una condizione SE-DOPO. Pertanto, ogni alleanza è intrinsecamente vulnerabile. Questo è ciò che Mosè ha sottolineato in tutto il libro di Devarim.
Non dare per scontata la terra o le sue benedizioni. Se fai bene, le cose andranno bene, ma se fai male, ci saranno grandi pericoli in serbo. Questa è alleanza.

Chessed, al contrario, non ha qualità SE-DOPO. È dato dalla bontà del donatore, indipendentemente dal valore del destinatario. Quando Mosè, Salomone e Neemia si riferirono al chessed oltre all’alleanza, stavano facendo una richiesta implicita a Dio dal significato più fondamentale. Anche se non riusciamo a onorare l’alleanza, per favore Dio sii gentile con noi, perché sei buono anche quando non lo siamo, e fai del bene anche quando lo non meritiamo, quando non abbiamo pretese su di te qualunque cosa – ki le-olam chasdo, perché il suo chessed è eterno.

I versi nella nostra parasha suonano condizionati: “Se presti attenzione a queste leggi … poi il Signore tuo Dio manterrà il brit e il chessed … ”Questo suggerisce che avremo chessed se lo meritiamo, ma in caso contrario, no. Ma non è così. Alla fine delle maledizioni nella Parashà di Bechukotai, Dio dice: “Tuttavia, nonostante questo, quando saranno nella terra dei loro nemici, non li rigetterò né li aborrerò in modo da distruggerli completamente, infrangendo il mio patto con loro: Sono il Signore loro Dio “.

Dio non infrange mai l’alleanza, a causa del Suo chessed. Il Tanach descrive il rapporto tra Dio e Israele in due modi principali: come un marito e una moglie, e come un genitore e un bambino. Tra marito e moglie può esserci il divorzio. Tra genitore e figlio non ci può essere. Possono estraniarsi, ma il genitore è ancora il suo genitore e il bambino è ancora il suo bambino. Il matrimonio è un’alleanza; la paternità no. Non abbandonarci, diciamo a Dio, perché qualunque cosa abbiamo fatto, tu sei il nostro genitore e noi siamo i tuoi figli. Chessed è il tipo di amore che un genitore ha per un figlio, che lo meriti o no. Chessed è grazia incondizionata.

Credo che il chessed sia il risultato più alto della vita morale. L’altruismo reciproco – lo faccio per te e tu lo fai per me – è universale tra gli animali sociali. Con chessed Dio creò l’universo. Nel chessed creiamo momenti di bellezza morale che portano gioia e speranza, dove c’è oscurità e disperazione.

Di Rabbi Jehonatan Sacks

Menu