Parashat devarim

Parashat Devarim

Appunti di parashà a cura di Lidia Calò

Immagina di avere 119 anni e 11 mesi.  La fine della tua vita è in vista.
Le tue speranze e i tuoi sogni hanno ricevuto colpi devastanti.  Dio ti ha detto che non entrerai nella terra in cui conduci il tuo popolo da quarant’anni.  Sei stato più volte criticato dalle persone che hai guidato. Tua sorella e tuo fratello, con i quali hai condiviso i fardelli della leadership, sono morti.
E sai che nessuno dei tuoi figli, Gershom ed Eliezer, ti succederà.
La tua vita sembra giungere a una tragica fine, la tua destinazione non raggiunta, le tue speranze non soddisfatte. Cosa fai?
Potresti sprofondare nella tristezza, riflettendo su ciò che avrebbe potuto essere, se il passato avesse preso una direzione diversa.  Potresti continuare a chiedere a Dio di cambiare idea e farti attraversare il Giordano.  Potresti ritirarti nei ricordi dei bei tempi: quando le persone cantavano una cantica sul Mar Rosso, quando accettarono l’alleanza sotto al Sinai, quando costruirono il Tabernacolo.  Queste sarebbero le normali reazioni umane.  Mosè non fece nessuna di queste cose – e ciò che fece invece aiutò a cambiare il corso della storia ebraica.
Mosè radunò la gente dall’altra parte del Giordano e parlò con loro per un mese.  Quei discorsi divennero il libro di Devarim.  Gli argomenti sono estremamente diversi e riguardano una storia del passato, profezie e avvertimenti sul futuro, leggi, storie, una canzone e una serie di benedizioni.  Insieme formano una visione profonda di cosa sia essere un popolo santo, dedicato a Dio, e istruzioni su come costruire una società che sarebbe un modello per l’umanità nel combinare libertà e ordine, giustizia e compassione, dignità individuale e responsabilità collettiva.
Guardiamo ora oltre ciò che Mosè ha detto nell’ultimo mese della sua vita ed esaminiamo ciò che Mosè ha fatto.
Ha cambiato carriera. Ha spostato il suo rapporto con la gente.  Non più definito Mosè il grande e potente leader che li rese liberi, il legislatore,
il lavoratore dei miracoli, l’intermediario tra gli israeliti e Dio, ora divenne la figura nota alla memoria ebraica: Moshe Rabbeinu, “Mosè,
il nostro insegnante. ”
È così che inizia Devarim: “Mosè iniziò a spiegare questa Legge” (1: 5).  La Torah usa il verbo essere (per spiegare), che non abbiamo mai visto prima in questo modo.  Mosè voleva spiegare, espandersi, chiarire.
Voleva che la gente si rendesse conto che l’ebraismo non è una religione di misteri che ha senso solo per alcune persone speciali.  È – come direbbe nel suo ultimo discorso – una “eredità dell’intera congregazione di Giacobbe” (33: 4).
Di Rav Jonathan Sacks
Menu