Parashat Behar Sinai e Bekhukottai

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Martin Luther King direbbe: “L’arco dell’universo morale è lungo, ma tende alla giustizia”. Non sempre immediatamente ma alla fine, il bene viene premiato con il bene, il male con il male.

La nostra parashá espone fermamente i termini di tale equazione: se obbedisci a Dio, ci sarà la pioggia nella sua stagione, il terreno produrrà i suoi raccolti e gli alberi i loro frutti; Ci sarà la pace. Ma se ignori Dio, le cose non prospereranno. Le maledizioni sono quasi tre volte più lunghe e molto più drammatiche nella lingua che usano: “Ma se non mi ascolterai … allora ti farò questo: ti porterò improvvisamente terrore, sprecando malattie e febbre che distruggeranno la tua vista e indeboliranno la tua forza … Spezzerò il tuo orgoglio testardo e renderò il cielo sopra di te come ferro e il terreno sotto di te come bronzo … Manderò animali selvaggi contro di te, e ti deruberanno dei tuoi figli, distruggeranno il tuo bestiame e ci saranno così poche persone che le tue strade saranno deserte … La tua terra sarà devastata e le tue città saranno distrutte … Quanto a quelli di voi che sono rimasti, renderò i loro cuori così spaventati nelle terre dei loro nemici che il suono di una foglia soffiato dal vento li metterà in fuga. Scapperanno come scappano dalla spada e cadranno, anche se nessuno li sta inseguendo.” (Vayikra 26: 14-37)

C’è una selvaggia eloquenza qui. Le immagini sono vivide. C’è un ritmo pulsante nei versi, come se il destino duro che avrebbe investito la nazione fosse inevitabile, cumulativo e accelerante. L’effetto è intensificato dai ripetuti colpi di martello: “Se dopo tutto questo … se rimani ostile … se nonostante queste cose … se nonostante ciò.”

La parola keri, chiave dell’intero passaggio, viene ripetuta sette volte. Non appare da nessun’altra parte dell’intera Tanach. Il suo significato è incerto. Può significare ribellione, ostinazione, indifferenza, spensieratezza, riluttanza o essere lasciata al caso. Ma il principio di base è chiaro. Se agisci verso di me con Keri, dice Dio, io rivolgerò lo stesso attributo contro di te e sarai devastato.

L’esempio classico è il libro di Giona. Dio dice a Giona il Profeta di andare a Ninive e avvertire il popolo: “Tra quaranta giorni Ninive sarà distrutta”. Lo fa. Le persone lo prendono sul serio. Si pentono. Dio quindi cede dalla sua minaccia di distruggere la città. Giona si lamenta con Dio di averlo fatto sembrare ridicolo. La sua profezia non si è avverata. Giona non è riuscito a capire la differenza tra una profezia e una predizione. Se una previsione diventa realtà, è riuscita. Se una profezia si avvera, ha fallito. Il Profeta dice alle persone cosa accadrà se non cambiano. Una profezia non è una previsione ma un avvertimento. Descrive un futuro spaventoso per convincere la gente a evitarlo. Questo è ciò che è una tochachah, una predizione.

Nel loro nuovo libro, The Power of Bad, John Tierney e Roy Baumeister sostengono, sulla base di prove scientifiche sostanziali, che il male ha un impatto maggiore su di noi del bene. Prestiamo più attenzione alle cattive notizie che alle buone notizie. La cattiva salute fa più differenza per noi della buona salute. Le critiche ci riguardano più che gli elogi. Una cattiva reputazione è più facile da acquisire e più difficile da perdere di una buona reputazione.

Gli esseri umani sono progettati – “cablati” – per prendere atto e reagire rapidamente alle minacce. Non notare un leone è più pericoloso che non notare un frutto maturo su un albero. Riconoscere la gentilezza di un amico è buono e virtuoso, ma non così significativo come ignorare l’animosità di un nemico. Un traditore può tradire un’intera nazione.

Ne consegue che il bastone è un motivatore più potente della carota. La paura della maledizione ha più probabilità di influenzare il comportamento rispetto al desiderio di benedizione. La minaccia della punizione è più efficace della promessa di ricompensa.

Il giudaismo è una religione di amore e perdono. Ma è anche una religione di giustizia. Le punizioni nella Torà non esistono perché Dio ama punire, ma perché vuole che agiamo bene. Immagina un paese che ha leggi ma nessuna punizione. Le persone rispetterebbero la legge? No. Molte persone sceglierebbero di trarre vantaggio dagli sforzi degli altri senza contribuire. Senza punizione, non esiste una legge efficace e senza legge non esiste società. Più impressionante si può presentare il male, più è probabile che le persone scelgano il bene. Ecco perché la tochachah è così potente, drammatica e stimolante. La paura del male è il più forte motivatore del bene.

Credo che essere avvisati del male ci aiuti a scegliere il bene. Troppo spesso facciamo le scelte sbagliate perché non pensiamo alle conseguenze. È così che è cresciuto il riscaldamento globale. Ecco come si verificano gli arresti finanziari. È così che le società perdono la loro solidarietà. Troppo spesso, la gente pensa a oggi, non a dopodomani. La Torah, dipingendo nei dettagli più cruenti ciò che può accadere a una nazione quando perde il suo orientamento morale e spirituale, sta parlando ad ogni generazione, dicendo: attenzione! Prendi nota. Non funziona con il pilota automatico. Una volta che una società inizia a crollare, è già troppo tardi. Evita il male. Scegli il bene. Pensa a lungo e scegli la strada che porta alle benedizioni. Di Rabbi Jonathan Sacks

Menu