parashà

Parashot Nitzavim e Vayelech

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La Parashat di Nitzavim presenta una famosa serie di versi (30:11-14) in cui Moshe assicura al popolo che “questo precetto che io ti comando oggi” non è né “nei cieli” né “al di là del mare”, ma è piuttosto” molto vicino a te, nella tua bocca e nel tuo cuore, per esibirti “.

Il Ramban spiega notoriamente che il “la mitzvà” di cui parla Moshe è l’obbligo di teshuva (pentimento), in cui Moshe aveva previsto il tempo in cui Benei Yisrael sarebbe stato esiliato a causa dei loro peccati, e poi pentito.

Dopo aver promesso al popolo che Dio avrebbe accettato amorevolmente il loro ravvedimento, ora sottolinea che “questo precetto” – l’obbligo di pentirsi dopo il peccato – è nelle loro capacità e non dovrebbe mai essere visto come impossibile.

Rav Shimshon Raphael Hirsch, nel suo commento alla Torah, suggerisce un diverso punto di connessione tra questi versi e la sezione precedente, seguendo il semplice significato della frase “ha-mitzva ha-zot” (“questo comandamento “), come riferendosi al Torah in generale. In questi versi, spiega Rav Hirsch, Moshe stabilisce che la Torah è accessibile e pertinente in ogni momento e in tutte le circostanze. “Non è nei cieli” – non richiede alcun tipo di rivelazione o ispirazione divina speciale che dobbiamo aspettare, né è “dall’altra parte del mare” – limitato a qualche altra regione, società o periodo storico che ha presentato più condizioni ideali per adempiere ai comandi di Dio. La Torah è “nella tua bocca e nel tuo cuore” – pertinente e applicabile adesso, oggi, indipendentemente da dove siamo, cosa stiamo attraversando o quali sfide dobbiamo affrontare.

Questa verità sulla Torah, spiega Rav Hirsch, afferma la previsione di Moshe nella sezione precedente – che nonostante la dispersione del Benei Yisrael in tutto il mondo, alla fine si ravvedranno e torneranno in Terra di Israele.

Rav Hirsch scrive:
In quanto precede … viene data la certezza che, nonostante tutti i cambiamenti del destino, essa [la Torah] non sarà mai persa per noi, ma alla fine ci ritorneremo, con tutto il nostro cuore e la nostra anima. Come ragione di questa fiducia, il vero significato dei contenuti della Torah … è indicato come così vicino e così comprensibile all’intelletto umano … Non contiene riferimenti metafisici segreti a qualcosa al di là della comprensione della mente umana ordinaria … comprenderlo e conservarlo non presuppone altro che le normali condizioni di vita di chi ha il dovere di osservarlo …

Ecco perché, poiché l’argomento di questa Torah è la nostra intera vita e i mezzi per comprenderla sono così vicini, ci accompagnerà attraverso tutti i nostri vagabondaggi attraverso i secoli, e dopo tutto il nostro smarrimento e tutte le nostre prove noi ritroveremo la nostra via di ritorno alla fedeltà eterna ad essa.

La garanzia del nostro ritorno definitivo alla Torah è la nostra consapevolezza della sua applicabilità in tutte le circostanze, la consapevolezza che siamo vincolati dalle sue leggi e dai suoi insegnamenti non solo in condizioni ideali e incontaminate, ma anche in tempi di turbolenza e confusione. Una volta che ci rendiamo conto che ci si aspetta che osserviamo la Torah al meglio delle nostre capacità in qualsiasi circostanza ci troviamo mai, non importa quanto siano meno che ideali quelle circostanze, non ci dispereremo mai e continueremo a crescere e migliorare fino a quando otterremo il pieno ravvedimento e diventeremo degni della redenzione finale della nostra nazione.

Di Rav David Silverberg

Menu