La creazione di Eva dalla costola di Adamo

Parashat Bereshit. Come Adamo fece con Eva, dobbiamo “addormentare” lo sguardo sui difetti degli altri

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La Torah nella Parashat Bereshit racconta della creazione di Dio della prima donna, Chava, che era formata da una costola che Dio prese da Adamo. Leggiamo che Dio fece cadere Adamo in un sonno profondo, e mentre dormiva, Dio rimosse una costola e la formò in una donna, che poi portò ad Adamo (2:21).

Il Midrash (Bereshit Rabba 17: 7) racconta di una serie di domande poste da una certa nobildonna romana a Rabbi Yossi riguardo a questo racconto. Una domanda che fece era perché Dio ha deciso di eseguire questa procedura mentre Adamo stava dormendo, e quindi ignaro di ciò che stava accadendo. Sicuramente, Dio avrebbe potuto escogitare una sorta di anestetico per assicurarsi che Adamo non provasse dolore a causa della rimozione di una costola. Perché scelse invece di farlo accadere mentre Adamo dormiva?

Il rabbino Yossi ha risposto che Dio in effetti ha inizialmente creato la compagna di Adamo in questo modo. Ma quando Adam la vide per la prima volta, prima che il processo del suo sviluppo fosse completo, era ricoperta di “ririn ve-dam” – “fluido e sangue”, e lui prese le distanze da lei, trovandola poco attraente. Dio quindi creò Chava una seconda volta – mentre Adamo dormiva, in modo che per prima cosa posasse gli occhi su di lei quando fosse completamente formata, in modo tale da trovarla attraente.

Questo scambio forse insegna che per creare relazioni di successo, a volte abbiamo bisogno di “dormire”, di chiudere gli occhi e distogliere la nostra attenzione dai difetti delle persone. Tutti noi abbiamo, in misura diversa, “ririn ve-dam”, qualità e caratteristiche poco lusinghiere che ci rendono tutt’altro che del tutto simpatici e che possono quindi respingere altre persone. Affinché due persone possano legarsi, devono trascurare l’un l’altro il “ririn ve-dam” in modo che possano apprezzare la bellezza e la grandezza l’uno dell’altra. Non possiamo mai aspettarci che un coniuge, un membro della famiglia o un pari sia perfetto, senza “ririn ve-dam”, ma possiamo, e dobbiamo, occasionalmente “dormire” e distogliere la nostra attenzione dai loro difetti in modo da poterci concentrare sulle loro qualità impressionanti e sui loro risultati.

Quindi, proprio come Adamo si è svegliato e ha trovato Chava attraente, saremo in grado di rispettarci, ammirarci e amarci l’un l’altro, in modo da poter creare relazioni significative e durature e portare maggiore pace e armonia nel mondo.

Di Rav David Silverberg

Menu