Alain Finkielkraut: racconto “in prima persona”

Libri

di Nathan Greppi

Un’autobiografia intellettuale: il filosofo parigino, figlio di sopravvissuti, anima del maggio francese, poi critico verso certa sinistra antisionista, ripercorre mezzo secolo di impegno civile

Per ogni uomo, grande o piccolo, a un certo punto viene il momento di fare un bilancio della propria vita, dei traguardi raggiunti o meno. Non fa eccezione il filosofo francese Alain Finkielkraut, tra i più celebri e discussi pensatori del suo paese negli ultimi decenni, il quale ha riepilogato il suo percorso umano e culturale nel libro In prima persona. Una memoria controcorrente.
Più che controcorrente, la sua è un’autobiografia “intellettuale”, nel senso che della sua vita racconta quasi unicamente il suo percorso come filosofo: partendo dalle proteste del ’68, in cui militava nella sinistra più radicale, ha iniziato gradualmente a dissociarsi dal conformismo ideologico della sua generazione.

Lo fece innanzitutto criticando nei suoi scritti le loro idee sull’amore e il rapporto tra i sessi, assieme all’amico e collega Pascal Bruckner, altro autore francese con posizioni fuori dal coro.
Non mancano ovviamente prese di posizione sul tema dell’antisemitismo e dell’antisionismo: influen-zato dal fatto che i genitori fossero sopravvissuti ai campi, Finkielkraut descrive le battaglie che ha dovuto intraprendere quando si è reso conto che una certa parte politica ha indirizzato nei confronti di Israele un odio veicolato tramite linguaggi e termini non dissimili da quelli dell’antisemitismo tradizionale, reinterpretati in forme “politicamente corrette”. Basti pensare al negazionista della Shoah Robert Faurisson, che negli anni ‘70 aveva cominciato a diffondere le sue teorie innanzitutto negli ambienti della sinistra anticapitalista.
Sebbene sia lungo appena un centinaio di pagine, il testo è denso di fatti personali alternati a riflessioni sull’attualità politica che sta vivendo l’Occidente. In particolare, l’autore lancia un monito per mettere in guardia da quelli che secondo lui sono i nuovi totalitarismi, che a differenza del nazismo e del comunismo oggi si nascondono dietro la maschera del progresso e dei diritti umani per emarginare coloro che non vi si adeguano.

Menu