Oltre 20 secoli di Storia ebraica in mostra a Rivalta Bormida, presso la Fondazione Elisabeth De Rothschild

Arte

di Michael Soncin

Unica nel suo genere, perché unici sono i pezzi in esposizione, è la mostra permanente dal titolo: “Orgoglio e Pregiudizio” (Duemila anni di storia ebraica attraverso le fonti storiche); visitabile dal mese di aprile a Palazzo Lignana di Gattinara.

I documenti originali, rari e preziosi, di proprietà della Fondazione Elisabeth de Rothschild, sono pezzi di grande importanza dal punto di vista storico, poiché consentono di tracciare e testimoniare oltre duemila anni di storia dell’ebraismo; dall’antico regno di Giudea alle comunità della diaspora fino al moderno Stato di Israele.

La finalità è di dare un apporto concreto alla conoscenza della storia del popolo ebraico, contribuendo a una migliore comprensione del conflitto israelo-palestinese e della realtà odierna, senza però trascurare le future e augurate opportunità di pace; facendo inoltre conoscere non solo i recenti avvenimenti della Shoah ma anche le radici dell’antigiudaismo nelle diverse epoche, approfondimento che permette di ricostruire una visione globale del fenomeno stesso.

La mostra patrocinata dall’UCEI e dall’ufficio culturale dell’ambasciata di Israele, fu inaugurata nel 2015 a Palermo presso Palazzo Aliata ed in seguito allestita nel 2016 presso la Comunità Ebraica di Casale Monferrato; sempre nel 2016 è presentata a Roma, questa volta sotto il patrocinio dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, con la prestigiosa partecipazione del presidente Massimo Bray e della professoressa Anna Foa.

Il materiale storico è suddiviso in sei nuclei tematici:

  1. Dalle origini al basso medioevo (monete delle varie epoche, stampe, incisioni e pagine di preziose edizioni di testi come un’edizione del 1498 della Mishnah Torah di Maimonide).
  2. La controriforma e la genesi dell’antigiudaismo cristiano (bolle papali antiebraiche).
  3. L’emancipazione (lettere e documenti firmati da importanti esponenti politici di origine ebraica).
  4. La propaganda antisemita durante il fascismo (iconografia).
  5. L’attuazione e gli effetti delle leggi razziali. La Shoah (provvedimenti contro gli ebrei presi dalle varie prefetture e alcune lettere di deportati).
  6. Lo stato di Israele (il sionismo, le acquisizioni delle terre, l’immigrazione ebraica).

“Orgoglio e pregiudizio” si rivolge a studenti, insegnanti e giornalisti, ma anche a tutte le persone interessate ad approfondire gli argomenti trattati, offrendo loro specifici percorsi formativi.

La fondazione nata nel 2015 a Rivalta Bormida in provincia di Alessandria – luogo che in passato aveva una numerosa presenza di comunità ebraiche – si propone di far conoscere attraverso conferenze, mostre e incontri, la cultura e le tradizioni del popolo ebraico. La scelta del nome rende omaggio alla memoria di Elisabeth de Rothschild, moglie del Barone Philippe de Rothschild, nata a Parigi il 9 Marzo del 1902, arrestata dalla Gestapo e deportata nel campo di concentramento di Ravensbrück, situato a nord di Berlino, dove perse la vita il 23 marzo del 1945.

A partire da aprile sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni, da lunedì a domenica, sempre e solo su prenotazione.

 Le visite sono guidate. L’ingresso al Palazzo e alla mostra è a offerta libera.

Contatti: per prenotazioni e informazioni contattare Ruth Cerruto all’indirizzo info@elisabethderothschild.it oppure al numero 333 5710532.

 

Menu