Il congresso dell'Unione Giovani ebrei italiani

UGEI: eletto il nuovo Consiglio

Giovani

di Nathan Greppi
A causa delle restrizioni dovute al coronavirus, per la prima volta in 26 anni il Congresso annuale dell’UGEI (Unione Giovani Ebrei d’Italia) si è tenuto su Zoom, da sabato 20 (dopo Shabbat) a domenica 21 marzo. Il Congresso, giunto alla XXVI edizione, in origine avrebbe dovuto tenersi nel dicembre 2020, ma era stato posticipato per l’incertezza legata al Covid, ed è stato preceduto da un evento dal vivo riservato a pochi dirigenti tenutosi a Ferrara a fine febbraio.

In totale si sono accreditati all’evento circa 60 giovani provenienti da varie città: non solo dalle maggiori comunità quali Roma e Milano, ma anche da Torino, Firenze, Livorno, Verona e Savona. Non potendo organizzare le classiche iniziative quali le cene, le gite turistiche e la festa in discoteca dopo Shabbat, ci si è concentrati quasi esclusivamente sulla votazione delle varie mozioni proposte sia dai singoli partecipanti che dai 6 gruppi di lavoro, che hanno affrontato diversi temi: dalle raccolte fondi alla gestione della rivista HaTikwa, dai rapporti con le comunità italiane e l’UCEI a quelli con le organizzazioni ebraiche internazionali.

Al termine si sono tenute le elezioni del nuovo Consiglio, in cui non sono mancati i problemi tecnici per le votazioni. Il nuovo consiglio, che entrerà in carica ai primi di aprile e ci resterà fino al 31 dicembre 2021, è composto da 9 persone: Bruno Sabatello (Roma), Daphne Zelnick (Milano), Dafna Terracina (Roma), Carlotta Jarach (Milano), Giulio Piperno (Roma), Micol Di Gioacchino (Roma), David Fiorentini (Siena), Joshua Bonfante (Savona), Simone Santoro (Torino).

Menu