due volontari in Israele sperimentano il vaccino contro il Covid

Israele e il vaccino anti-Covid. Iniziati i test sui primi volontari

Salute

di Paolo Castellano
Il primo novembre è iniziata la sperimentazione del vaccino israeliano anti-Covid. I medici delle strutture sanitarie Hadassah Ein Kerem e Sheba Medical Center in Israele hanno iniettato il preparato ai primi due volontari: Anar Ottolenghi (34 anni) e Segev Harel (26 anni).

Iniezione di un vaccino

Israele entra nell’ultima fase sperimentale del vaccino anti-Covid

Salute

di David Zebuloni
A differenza degli altri vaccini in sperimentazione nei vari istituti scientifici sparsi per gli Stati Uniti e nel resto del mondo, il vaccino sviluppato dall’Istituto Biologico di Ness Ziona  si distingue per la sua capacità di agire dopo una sola iniezione, senza bisogno di ulteriori richiami.

Un uomo soffia nel test di 30 secondi per il Covid

Israele e India hanno sviluppato un test di 30 secondi per il Covid

Salute

di Paolo Castellano
Israele e India stanno unendo le forze nel campo scientifico per combattere il Covid-19. Sebbene la creazione di un vaccino sia ancora da definire, i ricercatori israeliani e indiani hanno inventato un test di 30 secondi per diagnosticare il Coronavirus.

L'università di Gerusalemme ha creato un programma anti-Covid

Proseguono in Israele le ricerche per la cura e prevenzione del Covid-19

Salute

di Ilaria Ester Ramazzotti
Nei primi giorni di maggio, l’Israel Institute for Biological Research aveva isolato un primo anticorpo monoclonale neutralizzante, mentre i ricercatori sono riusciti a isolare ben otto diversi tipi di anticorpi, oltre a concludere la prima sperimentazione di un vaccino sui roditori. E all’Università di Gerusalemme è in corso un programma anti-Covid.

A qualcuno piace freddo

Salute

di Marina Gersony
Chanukkà, la Festa delle Luci, può rievocare magiche atmosfere invernali con tanto di neve e di freddo. Lo spiega il tedesco Jüdische Allgemeine.

Mai più malattie genetiche

Salute

di Redazione
Un documento comune dell’Associazione Medica Ebraica  e del Rabbinato impegna le istituzioni nella prevenzione delle malattie genetiche nella comunità ebraica italiana. Un’intervista a Rav Alfonso Arbib e Baroukh Assael

Menu