ebrei in yemen

Yemen: cacciati gli ebrei dai ribelli Houthi

di Redazione
Alcuni degli ultimi ebrei rimanenti in Yemen sono stati recentemente cacciati dalle loro case dai ribelli Houthi e devono essere portati in un altro paese, ha riferito Asharq Al-Awsat, con sede a Londra. Lo riporta The Times of Israel.

Tredici membri di tre diverse famiglie hanno lasciato le loro case a Sana’a, un’area del paese detenuta dalle forze Houthi sostenute dall’Iran, e si sono recate presso un’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, secondo il rapporto di domenica.

Secondo quanto riferito, hanno accettato di andarsene come parte di un accordo per garantire la libertà di Levi Salem Marhabi, un ebreo detenuto dagli Houthi da sei anni.

“Ci hanno dato la scelta tra rimanere nel mezzo delle molestie e tenere Salem prigioniero o andarsene e farlo rilasciare”, ha detto al giornale uno dei membri della famiglia deportati.

“La storia ci ricorderà come gli ultimi ebrei yemeniti a rimanere aggrappati alla loro patria fino all’ultimo momento”, ha detto la stessa fonte. “Abbiamo ripetutamente rifiutato molte offerte allettanti e ci siamo rifiutati di lasciare la nostra patria, ma oggi siamo costretti a farlo”.

Sebbene l’articolo dica che le famiglie ebree si rifiutano di viaggiare in Israele, l’emittente pubblica Kan ha riferito lunedì che sono già arrivate in un altro paese non specificato e che si stanno compiendo sforzi per trasportarle nello stato ebraico.

Marhabi è stato arrestato nel 2016 dai servizi segreti Houthi dopo che un raro rotolo di pelle di daino della Torah è stato contrabbandato dallo Yemen in Israele, insieme a 17 membri della comunità ebraica.

Gli emigranti ebrei e il rotolo della Torah sono stati accolti calorosamente in Israele, in particolare dal primo ministro Benjamin Netanyahu.

Marhabi, un uomo ortodosso, è stato arrestato dalla polizia dopo che le immagini della pergamena erano state ampiamente diffuse online, secondo quanto riferito all’epoca dal quotidiano britannico Jewish Chronicle. Gli Houthi hanno detto che il rotolo, che si dice abbia almeno 500 anni, è un artefatto nazionale.

Non si sa quanti ebrei siano rimasti in Yemen oggi. Nel 2017, il ministro dell’Informazione del paese ha affermato che il suo governo non era a conoscenza del destino delle poche dozzine di ebrei rimasti nel paese, la maggior parte dei quali risiedeva nella capitale Sana’a controllata dagli Houthi.

Gli Houthi allineati con l’Iran considerano la piccola popolazione ebraica rimasta come un nemico e sono impegnati in una campagna di pulizia etnica per liberare lo Yemen dalla sua comunità ebraica, disse all’epoca.

Secondo l’articolo di Asharq Al-Awsat, nello Yemen sono rimasti solo quattro ebrei, tutti anziani.

Circa 49.000 ebrei yemeniti furono portati nel nascente stato di Israele come parte dell’operazione Magic Carpet nel 1949-50.

Menu