Svezia: vince il contro-boicottaggio per Israele

Mondo

di Ilaria Ester Ramazzotti

coop-forum-sveziaIn Svezia, Israele ha vinto un’importante battaglia contro BDS, il movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni. Un’operazione di boicottaggio alla vendita dei prodotti israeliani nella catena di supermercati Coop è stata di recente annullata attraverso azioni di contro-boicottaggio messe in campo dall’ambasciata di Israele in Svezia con l’appoggio del ministero degli Esteri israeliano. Lo riporta Ynet News del 18 giugno.

La catena svedese Coop, diffusa su tutto il territorio del Paese scandinavo, annovera 665 supermercati dei quali tre a Varberg, città dove due mesi fa alcune organizzazioni pro-palestinesi hanno dato il via al boicottaggio proponendo di togliere dagli scaffali tutti i prodotti israeliani. La linea adottata, per lo più simbolica, metteva di fatto al bando avocado e cachi, gli unici prodotti provenienti da Israele venduti da Coop.

Isaac Bachman, ambasciatore di Israele in Svezia

Isaac Bachman, ambasciatore di Israele in Svezia

L’iniziativa, adottata con una grande maggioranza da un’assemblea dei consumatori a Varberg, ha spinto l’ambasciatore israeliano in Svezia Isaac Bachman a reagire aprendo un dibattito contro il concetto di un boicottaggio commerciale, lasciando tuttavia da parte temi inerenti in conflitto israelo-palestinese. “Abbiamo parlato in nome del commercio equo e solidale e contro le discriminazioni verso qualsiasi Stato” ha detto Bachman a Ynet News.

Allo stesso tempo, numerosi attivisti pro-Israele hanno iniziato a pubblicare post contro la decisione della catena di supermercati sui social media. Un uomo d’affari ha in particolare aperto una pagina Facebook dal titolo Opporsi al boicottaggio contro Israele, che ha ricevuto 2.500 like. Ma non solo. Messaggi e telefonate sono stati inviati direttamente a Coop da migliaia di persone che hanno minacciato di boicottare la catena di supermercati qualora il boicottaggio contro Israele fosse andato avanti.

“Sono rimasti scioccati dalla mole di messaggi ricevuti”. “C’è stata una grande protesta. Un sacco di persone qui sono contro il boicottaggio. Abbiamo parlato di commercio giusto e solidale. Abbiamo spiegato che chi sostiene il boicottaggio fa male ai clienti e alla qualità dei prodotti”, – ha riferito Bachman, che alcuni giorni fa ha incontrato l’amministratore delegato della catena di supermercati Coop -.

Il messaggio è stato recepito. Alla fine il boicottaggio è stato fermato dalla direzione nazionale di Coop, cha ha prospettato ai negozi di Varberg l’uscita dalla catena nel caso in cui non avessero annullato il boicottaggio. “La lezione che ho imparato è che non dobbiamo in nessun caso tirarci indietro ma lanciare una contro-campagna”, ha concluso. “Se si dalla parte del consumatore, senza entrare nella questione del conflitto, la situazione si fa migliore e si è più forti”.

Menu