Rituale antisemita in Polonia

La Chiesa cattolica in Polonia chiede scusa agli ebrei per il rituale antisemita di Pasqua

Mondo

di Redazione
La Chiesa cattolica in Polonia ha espresso il suo disprezzo nei confronti del rituale antisemita che si è verificato durante il Venerdì Santo a Pruchnik, una piccola città nel sud-est del Paese. Le immagini dell’episodio ritraggono adulti e bambini mentre battono e brucino un fantoccio rappresentante Giuda nelle vesti di un ebreo stereotipo impiccato, bruciato e percosso.

“La Chiesa cattolica non tollererà mai manifestazioni di disprezzo nei confronti di membri di qualsiasi nazione, incluso il popolo ebraico”, ha detto il vescovo Rafal Markowski, presidente della commissione per il dialogo della Chiesa con l’ebraismo, descrivendo il suo punto di vista come posizione della chiesa.

Dopo la dichiarazione della chiesa, il ministro dell’Interno Joachim Brudzinski ha definito il rituale “idiota, pseudo-religiosa maldicenza”, e ha chiesto perché “Satana” ha rianimato la tradizione abbandonata.

Le dichiarazioni arrivarono dopo che il Congresso ebraico mondiale di domenica espresse il suo “disgusto e sdegno”. “Gli ebrei sono profondamente turbati da questa spaventosa rinascita dell’antisemitismo medievale che ha portato a violenze e sofferenze inimmaginabili”, ha detto Robert Singer, CEO del gruppo di New York.

Menu