La Francia verso il riconoscimento dello Stato palestinese. La protesta del Crif

Mondo

franciaIl Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche in Francia (CRIF ) ha detto che il progetto di risoluzione per un riconoscimento da parte della Francia di uno Stato palestinese che sarà discussa e votata il 28 novembre nell’Assemblea Nazionale, è un “errore politico e diplomatico” e ha invitato i parlamentari “a non votare”.

L’iscrizione all’ordine del giorno dell’Assemblea Nazionale Venerdì 28 novembre di una discussione sullo Stato palestinese è stata decisa dalla Conferenza dei Presidenti dell’Assemblea, che comprende principalmente i leader dei gruppi politici intorno a Claude Bartolone, presidente della Assemblea.

Critico Roger Cukierman , presidente del CRIF, Conseil Representatif des Institutions Juives de Francem, che ha dichiarato: “questa risoluzione non è favorevole alla creazione di pace tra Israele e i palestinesi. Se venisse votata, metterebbe in discussione la posizione e il ruolo di arbitro di Francia tra israeliani e palestinesi.

Nella versione attuale del progetto di risoluzione, “l’Assemblea invita il governo francese a riconoscere lo Stato di Palestina al fine di ottenere una soluzione definitiva del conflitto”. Il testo riconosce “l’urgente necessità di raggiungere un accordo finale per la creazione di uno Stato democratico e sovrano della Palestina, che viva in pace e sicurezza con Israele , sulla base delle linee del 1967 con Gerusalemme come capitale di entrambi gli stati , reciprocamente riconosciuta” . Il testo sottolinea anche che “la soluzione dei due Stati , promossa sempre dalla Francia e l’Unione europea , comporta il riconoscimento dello Stato palestinese accanto a quello di Israele”.

Il voto dell’Assemblea o del Senato, non vincolante per il governo francese, sarebbe necessariamente molto simbolico, dopo quello del Parlamento britannico verso la metà di ottobre, mentre la Svezia è stato il primo paese nell’ultimo mese dell’Unione europea a riconoscere uno Stato palestinese. Ci sarà “in un momento – questo è ovvio – il riconoscimento di uno Stato palestinese da parte della Francia “, ha detto il ministro degli Esteri francese , Laurent Fabius . “La domanda è: quando e come ? Perché è necessario che questo riconoscimento è utile negli sforzi per superare lo stallo e contribuire ad una soluzione definitiva del conflitto “, ha aggiunto.

Menu