Fiori in onore degli assassinati nella sinagoga di Pittsburgh

Chiesta la pena di morte per l’attentatore alla sinagoga di Pittsburgh. Ma le congregazioni colpite si oppongono

Mondo

di Redazione
Robert Bowers, l’estremista di destra che il 27 ottobre 2018 attaccò la sinagoga di Tree of Life*Or L’Simcha di Pittsburgh, in Pennsylvania, uccidendo 11 persone, potrebbe essere condannato alla pena di morte. È quanto hanno dichiarato lunedì in tribunale i procuratori federali, nonostante l’opposizione pubblica alla punizione di due delle tre congregazioni che condividono la sinagoga. Lo riporta il Times of Israel.

La giustificazione per una condanna a morte include accuse di sostanziale pianificazione e premeditazione, vulnerabilità e numero di vittime e motivazione dell’ostilità religiosa. Ha anche elencato la ferita, il danno e la perdita causati alle vittime e la scelta della sinagoga dell’Albero della Vita come luogo dell’attacco.

L’avviso accusa Bowers di aver preso di mira i fedeli “per massimizzare la devastazione, amplificare il danno dei suoi crimini e infondere paura all’interno delle comunità ebraiche locali, nazionali e internazionali”.

Bowers si è dichiarato non colpevole e attende il processo.

Robert Bowers, l'attentatore alla sinagoga di Pittsburgh

Robert Bowers, l’attentatore alla sinagoga di Pittsburgh

Le congregazioni ebraiche si oppongono

Nonostante lo shock e la grave perdita inflitta dall’attacco, due delle tre congregazioni che fanno riferimento alla sinagoga colpita si oppongono alla condanna a morte. All’inizio di questo mese, i leader hanno invitato il procuratore generale William Barr a non chiedere la pena di morte per Bowers.

Il rabbino Jonathan Perlman, la cui Congregazione della Nuova Luce a Pittsburgh ha perso tre fedeli durante l’attacco, ha scritto a Barr “come vittima dell’attacco”, ricordandogli che “entrambe le nostre tradizioni religiose, la vostra cattolica e la mia ebrea, si oppongono vigorosamente alla pena di morte”.

Sebbene la Bibbia condanni a morte coloro che commettono determinati peccati, ha continuato, il Talmud afferma che una corte che mette a morte un uomo una volta ogni 70 anni è chiamata “corte assetata di sangue”.

“Vorrei che l’assassino di Pittsburgh fosse incarcerato per il resto della sua vita senza parole. Dovrebbe meditare se vale davvero la pena agire su qualche fantasia bianca separatista contro il popolo ebraico ”, ha detto Perlman. “Lasciatelo vivere per sempre. Voglio che questo delinquente causi ulteriore dolore alla mia comunità”.

Il presidente della Congregazione Dor Hadash, che  ha perso un membro dell’attacco, ha anche contestato la pena di morte in una lettera al Dipartimento di Giustizia.

L’attentato del 27 ottobre

Bowers entrò il 27 ottobre 2018 nella sinagoga Tree of Life*Or L’Simcha di Pittsburgh, in Pennsylvania, con un fucile AR-15 e altre armi per colpire i fedeli nella sinagoga dell’Albero della Vita durante i servizi del sabato mattina di ottobre. Morirono 11 persone e altre sette rimasero ferite, tra cui cinque agenti di polizia.  L’uomo ha urlato insulti e ingiurie antisemiti: «Tutti questi ebrei devono morire», avrebbe detto.

Poco dopo le sparatorie, prima che Bowers fosse identificato pubblicamente come sospetto, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump disse che l’autore avrebbe dovuto “pagare il prezzo finale”.

“Penso che dovrebbero davvero mettere in voga la pena di morte”, aveva dichiarato Trump ai giornalisti a ottobre. “Chiunque faccia una cosa del genere a persone innocenti che sono nel tempio o in chiesa. Abbiamo avuto così tanti incidenti con le chiese. Dovrebbero davvero pagare il prezzo finale”.

Menu