Canada: scoperta alla vigilia di Shavuot sinagoga vandalizzata

Mondo

di Redazione
Dei vandali hanno saccheggiato una piccola sinagoga di Montreal, in Canada, qualche tempo dopo la sua chiusura settimane fa a causa della pandemia di COVID-19 in quella che è stata descritta come una delle peggiori profanazioni della sinagoga locale, ospitata in una residenza privata nel sobborgo in gran parte ebraico di Côte St. Luc.

Il danno alla congregazione sefardita di Kol Yehouda includeva tallitot e tefillin gettati per terra nei bagni, Rotoli di Torah tagliati e lanciati sul pavimento, altri oggetti religiosi gravemente danneggiati e graffiti antisemiti.

La polizia sta indagando sull’attacco e, soprattutto, scoprire quando l’incidente è realmente accaduto.

“Chiaramente, non si può rimanere insensibili a quello che è successo”, ha detto il congregante Ralph Amar, che mercoledì ha scoperto il vandalismo quando è passato a prendere alcuni oggetti per la festa di Shavuot. Ha definito l’incidente “atroce” e un “massacro”.

Allo stesso modo, David Birnbaum, parlamentare provinciale del distretto elettorale in cui si trova la sinagoga, ha definito l’incidente un atto “disgustoso, codardo”.

Michael Mostyn, CEO di B’nai Brith Canada, ha affermato di essere stato “sconvolto” da “questo disgustoso atto di antisemitismo alla vigilia di … Shavuot”, la festa che segna la donazione della Torah al popolo ebraico.

(Foto: Bna’i Berith Canada)

Menu