Rivlin in visita a Roma. Il Papa: “Ripresa del dialogo con i palestinesi”

Italia

 

rivlin-papa2

Il presidente israeliano Reuven Rivlin con papa Francesco davanti al regalo in basalto fatto da Rivlin al Pontefice

In occasione del viaggio a Roma, iniziato giovedì 3 settembre, il presidente israeliano Reuven Rivlin è stato ricevuto per la prima volta da Papa Francesco, in un momento di tensione fra Chiesa e Stato in Israele, dovuto al riconoscimento da parte del Vaticano dello “Stato di Palestina”.

Papa Francesco ha chiesto a Reuven Rivlin di  rilanciare “negoziati diretti” tra israeliani e palestinesi e una “soluzione adeguata” su vari aspetti controversi, come il finanziamento delle scuole private, secondo una dichiarazione da parte del Vaticano.

Il papa, come riportato da un comunicato della Santa Sede, ha sottolineato “la necessità e l’urgenza di promuovere un clima di fiducia tra israeliani e palestinesi e di riprendere i negoziati diretti per raggiungere un accordo rispettoso delle legittime aspirazioni di entrambi i popoli, come un contributo fondamentale alla pace e la stabilità della regione”.

“Ho detto al Papa che lo considero come un ponte, e gli ho chiesto di servire nei momenti più difficili luoghi di mediazione”, ha detto il presidente israeliano, citato dal suo portavoce.

Il papa ha anche voluto che l’accordo bilaterale negoziato dal 1999 sia “veloce”, ha concluso. Ma i rapporti sono tesi da quando la Santa Sede ha firmato nel mese di giugno un accordo analogo con lo Stato della Palestina e il Vaticano lo ha ufficialmente riconosciuto. Si è anche parlato delle relazioni fra le autorità israeliane con la Santa Sede e le comunità cattoliche locali.

Il pontefice argentino ha invitato a una “soluzione adeguata” per le scuole cristiane in Israele che contano 33.000 studenti in sciopero senza un accordo sul finanziamento e la questione della sicurezza, in particolare dopo l’incendio della Chiesa della Moltiplicazione a Kfar Nahum (Cafarnao) sul lago di Tiberiade.

rivlin-papa_1A questo proposito, ha detto il portavoce del Presidente, Rivlin “ha aggiornato il pontefice sui progressi in corso nel trovare una soluzione alla crisi finanziaria” e ha promesso di “trovare una soluzione il più presto possibile.”

Durante l’incontro di una mezz’ora con il papa, che ha preceduto quello con il segretario di Stato Pietro Parolin, il papa ha offerto a Rivlin un medaglione di bronzo che non aveva mai precedentemente offerto ai suoi ospiti, composto da due blocchi separati tra che è stato rappresentato un ramoscello d’ulivo in segno di pace. Tutto intorno al medaglione è stato scritto “ciò che unisce ricerca, supera ciò che divide”.

Rivlin da parte sua, ha fatto un regalo di basalto, sul quale era scritto un versetto di un Salmo, spiegando: “Ho pensato che fosse giusto ricordare l’origine comune di ebraismo e cristianesimo”.

Prima di lasciare Israele, il capo dello stato israeliano aveva espresso gioia nell'”incontrare un vero amico dello Stato di Israele e del popolo ebraico (…), un leader ispirato che crede nel dialogo diverse fedi “.

“Sto andando a incontrare un leader che è un vero amico di Israele e del popolo ebraico. Papa Francesco è una fonte di ispirazione che crede nel dialogo tra le diverse religioni e le cui attività e dichiarazioni hanno lo scopo di promuovere questo il dialogo. E ‘un messaggero di riconciliazione e di compassione per il bene dell’umanità, e sono lieto di incontrarlo. Sono fiducioso che questo incontro, come l’incontro con il Presidente della Repubblica Italiana, sarà fruttuoso e produttivo”, aveva detto ai media israeliani.

L’incontro con Mattarella
Nel pomeriggio, dopo la visita in Vaticano, Rivlin è stato ricevuto dal suo omologo italiano Sergio Mattarella, mentre in serata si è recato alla Grande Sinagoga di Roma dove ha incontrato i leader e 700 membri della comunità ebraica romana.

Menu