La mappa delle lapidi e pietre d'inciampo a Milano

Aned e Anpi di Milano pubblicano una mappa delle lapidi ai caduti e delle Pietre d’inciampo della città

Italia

di Ilaria Ester Ramazzotti
A Milano, capitale della Liberazione e città Medaglia d’oro della Resistenza, sono state negli anni affisse 33 lapidi personali o collettive dedicate a partigiani e antifascisti e 22 Pietre d’inciampo, dislocate nelle vie del centro storico, lungo percorsi segnati da abitazioni storiche, luoghi di lavoro, ex-fabbriche, stazioni, ex uffici come quelli che furono della Gestapo all’Hotel Regina o il carcere di San Vittore. Aned e Anpi di Milano hanno pubblicato una mappa ragionata dei “Percorsi della Memoria all’interno del centro storico di Milano”, una carta quasi completa di tutti questi punti (tranne le ultime pietre d’inciampo da poco posate), arricchita dalle descrizioni delle vicende dei caduti e da note biografiche.

Nata da un’idea di Francesca Castelbarco, consigliera del Municipio 1, presidente dell’Anpi della zona 1, è stata stampata in duemila copie. “Sarebbe bello se l’anno prossimo si pensasse a fare una mappa di tutta la città e se si potesse aggiornarla anno per anno con le nuove Pietre d’inciampo che verranno poste in futuro”, hanno detto a La Repubblica Francesca Castelbarco e Marco Steiner di Aned.

Menu