Yad Vashem

Lo Yad Vashem cambia la preghiera per i morti nella Shoah per includere quelli del Nord Africa

Israele

di Redazione
Lo Yad Vashem ha cambiato due delle sue principali preghiere per la Giornata della memoria dell’Olocausto – la preghiera di Yizkor e El Maleh Rahamim – per includere vittime ebree dal Nord Africa.

Come riporta il Times of Israel, il cambiamento è avvenuto dopo che Yael Robinson, una studentessa  di Zichron Yaakov il cui nonno, Kalfo Janah, era un sopravvissuto di Tripoli, in Libia, ha contestato l’anno scorso con il fatto che la cerimonia del ricordo locale non menzionava vittime al di fuori dell’Europa.

La legislazione antisemita fu imposta ai 415.000 ebrei del Marocco, dell’Algeria e della Tunisia in seguito all’istituzione del regime di Vichy in Francia, secondo Yad Vashem, mentre dalla Libia, allora sotto dominio italiano, migliaia di ebrei libici furono portati nei campi di concentramento. Fra il maggio e il giugno del 1944 quelli espulsi da Tripoli furono mandati a Bergen-Belsen, mentre la maggior parte di quelli di Bengasi al campo di Innsbruck-Reichenau.

“È stato strano per me che la lettura di Yizkor alla cerimonia menzioni solo gli ebrei morti in Europa, e la preghiera di El Maleh Rahamim menziona ancora l’Olocausto in Europa ma non menziona l’Olocausto in Europa – Nord Africa nemmeno una sola volta”, ha scritto Yael Robinson agli organizzatori della cerimonia.

Michael Shakati, dell’associazione “Un movimento per una memoria pulita” coinvolto nell’organizzazione della cerimonia, ha scoperto che le preghiere usate sono state prese dal sito web del memoriale dell’Olocausto di Yad Vashem a Gerusalemme. Ha quindi contattato il Memoriale che ha risposto: “d’ora in poi, nessuna distinzione sarebbe stata fatta tra vittime della Shoah di origini diverse”.

Ebrei libici deportati a Bergen-Belsen

Ebrei libici deportati a Bergen-Belsen

Prima che il nonno di Robinson morisse, le disse che da bambino vide suo padre arrestato e gettato “come un sacco di patate” su un camion che lo portò al ghetto, da dove fuggì e tornò a casa poche settimane dopo.

“Quando volevano prendere suo padre, cercava di afferrarlo, e il tedesco, che aveva le punte di metallo sul bordo delle scarpe, lo prendeva a calci. Fino al giorno della sua morte aveva le cicatrici “, ricorda Yael Robinson.

Secondo Haaretz, il sito web Yad Vashem ha già la versione aggiornata delle preghiere. Nella preghiera Yizkor, una frase che in precedenza ricordava quelli della “diaspora europea” che morì nella Shoah ora dice solo “diaspora”. Allo stesso modo, la parola “europeo” è stata rimossa dalla preghiera di El Maleh Rahamim riferendosi ai sei milioni di vittime della Shoah.

“Non esiste una versione unica della preghiera Yizkor ed è noto che durante le cerimonie commemorative le varie comunità e organizzazioni la adattano come è giusto”, ha detto Yad Vashem in una dichiarazione a Haaretz.

(Fonte immagine: Wikipedia)

Menu