Benny Gantz

Elezioni in Israele: il partito di Gantz a 33 seggi, il Likud a 31. Liberman ago della bilancia

Israele

di Redazione
Mentre gli spogli delle urne in Israele sono agli sgoccioli, dopo le elezioni di martedì 17 settembre (che hanno visto un’affluenza del 69%), sembra chiaro il testa a testa fra i due partiti antagonisti, Likud di Beniamn Netanyahu e Blu e Bianco (Kahol ve Lavan) di Benny Gantz. Secondo il Times of Israel, i risultati elettorali dopo il 96,5% dello spoglio (aggiornati al mattino del 19 settembre dal Comitato elettorale centrale) dimostrano che il partito di Benny Gantz è in vantaggio di due seggi sul Likud del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, cioè 33 a 31. Terzo è l’alleanza della Lista Unica (HaReshima HaMeshutefet) dei partiti a maggioranza araba a 13, seguita dai partiti ultra-ortodossi Shas con 9 e United Torah Judaism (Yahadut haTorah) con 8. Anche Israel Beytenu di Avigdor Liberman ne ha 8, Yamina ne ha 7, Labour-Gesher ne ha 6 e il campo democratico ne ha 5.

Il blocco di centro-sinistra, incluso l’elenco congiunto prevalentemente arabo – che non è mai stato membro del governo – ha aumentato il suo potere a 57 seggi, con il blocco di destra e quello religioso a 55. Nessuno dei due ha la maggioranza dei 61 seggi necessaria formare una coalizione, lasciando Israel Beytenu nella posizione di ago della bilancia. Potrebbe dunque continuare l’impasse delle precedenti elezioni del 9 aprile. I partiti rivali non sono più vicini alla formazione di una coalizione di maggioranza, aumentando la possibilità di negoziati per un governo di unità. Si prevede che le prossime settimane presenteranno pesantemente conflitti di coalizione, mentre i partiti si divertono a formare un governo.

I risultati delle elezioni dopo lo spoglio del 96,5% delle schede

I risultati delle elezioni dopo lo spoglio del 96,5% delle schede

Liberman ago della bilancia e il governo di unità

Non è chiaro se Yisrael Beytenu, il “kingmaker” nella corsa con 8 seggi, appoggerà Netanyahu o Gantz come primo ministro mentre spinge per una coalizione di unità con entrambi i principali partiti. Mercoledì mattina 18 settembre Liberman ha infatti detto ai giornalisti fuori da casa sua che «esiste una sola opzione: un governo di ampia unità», comprendente il suo partito, Blu e Bianco e Likud, ma ha detto che non avrebbe avviato negoziati di coalizione con nessun partito a meno che non accetti le sue richieste di cambiamenti in chiave laica. Fra queste, un progetto militare ultraortodosso, i trasporti pubblici e il commercio su Shabbat, l’istruzione laica Haredi e altre misure. Proprio su queste richieste, per la contrapposizione con i partiti ultraortodossi, era caduto il governo precedente, al quale, senza l’appoggio di Israel beytenu, è mancata la maggioranza di seggi. Pertanto, lo status di Liberman come decisore effettivo del prossimo governo segna una vittoria significativa per lui in questa scommessa di nuove elezioni, dopo che il suo partito ha avuto il peggior risultato di sempre in aprile.

Liberman, che secondo i sondaggi e il conteggio dei voti preliminari potrebbe essere il regista poiché nessun blocco ha una maggioranza (61 seggi) senza di lui, è apparso fuori dalla sua casa nell’insediamento di Nokdim, offrendo ai giornalisti la promessa che non avrebbe permesso un terzo round delle elezioni e non perderebbe tempo a contrattare.

«Non possiamo perdere tempo. Dobbiamo perseguire l’unica strada possibile il più velocemente possibile», ha detto, riferendosi al governo di unità, che ha descritto come «l’unica azione possibile».

Un governo di unità che comprende i due principali partiti ha continuato a sembrare la via più probabile per uscire dalla situazione di stallo, anche se Blu e Bianco insiste sul fatto che Netanyahu – che deve affrontare un’accusa di accusa di corruzione, in attesa di un’audizione – debba dimettersi da leader Likud se si formerà la coalizione.

Il successo della Lista Unita araba

Il parlamentare Ahmad Tibi della Lista Unita araba ha ringraziato di cuore il Primo Ministro Benjamin Netanyahu per aver galvanizzato il voto arabo, collegando l’affluenza più alta del solito ai tentativi del Primo Ministro di sopprimere il voto delle minoranze e di demonizzarli.

«La nostra campagna era addormentata, debole, zoppicante, solo due settimane fa – ha detto Tibi a Channel 12 -. Poi una settimana fa, qualcuno, un mago, ha dato il via alle sveglie agli ingressi di ogni città araba. Quello era Benjamin Netanyahu. Quella era la legge sulle telecamere», ha detto riferendosi a un’offerta fallita di Netanyahu per tentare di approvare una legge che avrebbe permesso a Likud di collocare telecamere nei seggi elettorali. «Improvvisamente gli arabi si sono precipitati alle urne in massa», ha detto facendo eco al famigerato avvertimento di Netanyahu alle elezioni del 2015

L’affluenza alle urne tra gli arabi israeliani è aumentata in modo significativo martedì rispetto alle ultime elezioni nazionali del 9 aprile, dove si era toccato un record del 49,2% minimo. Secondo Haaretz, circa il 60 percento degli elettori arabi è uscito alle urne, nonostante ciò che molti in Israele hanno visto come vari sforzi di repressione degli elettori da parte di Netanyahu, del suo partito al potere Likud e degli attivisti di destra.

I commenti di Tibi hanno fatto eco a quelli del responsabile della campagna della Lista Unita Aaed Kayal, che ha dichiarato al Times of Israel che le dichiarazioni di Netanyahu avevano motivato gli arabi israeliani a votare in gran numero. «Hanno fatto desiderare alle persone di andare a votare – ha detto – mentre pensavano che fare queste osservazioni avrebbe convinto i suoi sostenitori a votare, in realtà ci hanno aiutato e incoraggiato i nostri elettori ad andare alle urne».

All’inizio di questa settimana, i visitatori della pagina Facebook ufficiale di Netanyahu sono stati accolti da un messaggio automatico inviato da un chatbot che avvertiva del pericolo di un «governo debole laico di sinistra che si basa su arabi che vogliono distruggerci tutti: donne, bambini e uomini».

Menu