I voti per le ultime elezioni israeliane

Elezioni in Israele: il blocco di Netanyahu a tre voti dalla maggioranza alla Knesset

Israele

di Redazione
Mentre procede lo spoglio degli ultimi voti, la commissione elettorale centrale ha aggiornato il conteggio mercoledì 4 marzo al mattino, dando al partito Likud del Primo Ministro Benjamin Netanyahu e al rivale centrista Kachol Lavan guidato da Benny Gantz un posto in più ciascuno, lasciando il blocco del premier di sostenitori di destra a 58 seggi.

Dopo il conteggio del 99% dei voti, Likud ha ottenuto un posto per un totale di 36, con il partito rivale che ha aumentato il suo potere da 32 a 33. L’elenco comune dei partiti prevalentemente arabi è passato da 16 a 15 posti, mentre il partito ultra-ortodosso Shas è passato da 10 a 9 posti.

Il totale dei seggi dei partiti è rimasto invariato: sette per l’Ebraismo unito della Torah (UTJ), sette per Yisrael Beytenu, sette per Labour-Gesher-Meretz e sei per Yamina.

In totale, il Likud e i suoi alleati avrebbero in tutto 58 seggi. Il blocco religioso di destra che sostiene Netanyahu – composto da Likud, Shas, UTJ e Yamina – non arriva tuttavia ai 61 seggi necessari per formare un governo.

Il conteggio delle schede a doppia busta di soldati, personale di polizia, diplomatici, cittadini handicappati, pazienti e personale ospedaliero e prigionieri è iniziato martedì 3 marzo e si prevede che si concluderà nel corso della giornata.

I risultati finali ma non ufficiali sarebbero stati probabilmente pubblicati mercoledì sera. I risultati ufficiali saranno pubblicati solo il 10 marzo.

La Commissione elettorale centrale ha annunciato martedì scorso che erano stati conteggiati quasi tutti i voti espressi alle elezioni, contando i voti di 10.552 seggi elettorali in tutto il paese: il 99% delle postazioni elettorali aperte durante le elezioni di lunedì, pari a circa il 93% del voto totale.

Alla fine di martedì, anche funzionari rivestiti di hazmat hanno svelato e contato le schede elettorali espresse dagli israeliani che potevano trasportare il coronavirus.

Circa 4.076 israeliani sottoposti a quarantena hanno votato lunedì in apposite cabine di voto per l’isolamento presidiate da medici in equipaggiamento protettivo che raddoppiano come funzionari elettorali.

L’elezione di lunedì è stata in gran parte vista come un referendum su Netanyahu, che verrà processato alla fine del mese per corruzione, frode e violazione della fiducia, ma si pensa che stia cercando supporto per un meccanismo legislativo per garantirgli l’immunità.

Le opzioni per Bibi

Nonostante un trionfante partito per la vittoria e i proclami sulla vittoria dei sostenitori, i sondaggi di uscita e i numeri dei risultati non finali hanno mostrato che sarebbe probabilmente uscito senza la maggioranza dei 61 seggi necessaria.

Netanyahu potrebbe tentare di coinvolgere Yisrael Beytenu di Lieberman, che sembra destinato a interpretare ancora una volta il regista. Sarà aiutato dalla prospettiva di un continuo stallo e di una quarta elezione, vista come uno scenario del giorno del giudizio, ma sempre più realistico.

Il capo del partito Avigdor Liberman ha promesso lunedì di non unirsi a un governo guidato da Likud che include partiti ultra-ortodossi, ma ha anche rifiutato di unirsi a una coalizione con la Joint List guidata dagli arabi.

“Non ci allontaneremo di un millimetro da ciò che abbiamo promesso ai nostri elettori”, ha detto.

Menu