Articoli scritti da: Ester Moscati

“Che cos’è l’amicizia? È come un albero…”

Arte

di Nicole Karmeli
Come i rami di un albero, le amicizie possono essere sottili e fragili o forti e indistruttibili; o addirittura possono essere eterne, come le radici più profonde. Una graphic novel firmata da una studentessa della nostra Scuola.

I mille sogni dell’anima ebraica

2019

Attualità
Il ritorno delle tribù di Israele

Cultura
«In via Eupili, quegli esami di maturità con le SS dietro l’angolo»

Comunità
Alla scoperta di Odessa e Lublino, Basilicata e Varsavia, con l’ADEI e il Nuovo Convegno

Hummus di ceci neri con petali di rosa

Cucina e Kasherut

di Michael Soncin

Dopo anni che mi rimpinzo del classico hummus, piatto per eccellenza della cucina mediorientale, bontà delle bontà, ho deciso di trasgredire pensando – senza abbandonare la versione tradizionale – ad una ricetta alternativa; ottima come antipasto (magari in vista di Rosh haShanà) se avete ospiti da incuriosire, perché vi devo avvisare, molti di loro non capiranno a prima vista di che cosa si tratti.
Ho voluto farlo – senza stravolgerlo poi così tanto – con i ceci neri, dove il gusto deciso e saporito dell’hummus, unito al retrogusto del cumino, si sposa con la delicatezza della rosa, creando, oltre che per la vista, un piacevole e alternativo contrasto di sapori e profumi. Pensate che esistono delle fragranze di grande pregio al profumo di rosa e cumino!

 

Preparazione
Cucinare i ceci per 90 minuti, dopo averli messi a bagno 12 ore nell’acqua.
Frullare i ceci, unendo acqua, sale, succo di limone, olio di semi di girasole, salsa tahini nera, cumino in polvere e dell’aglio rosso; fino ad ottenere la consistenza desiderata.
Lasciare riposare nel frigo per almeno due ore. Prendere la sac à poche e distrubuire l’hummus sui piattini, guarnendo il tutto con semi di girasole tostati e petali di rosa commestibili.
Suggeriamo di preparare dei crostini con olio d’oliva extravergine crudo, (mentre nella preparazione dell’hummus raccomandiamo l’olio di semi per non alterare il retrogusto dei vari ingredienti) strofinati d’aglio, su cui spalmare la crema di ceci.
La tradizione si porta avanti e si mantiene attiva anche affiancando ai classici le varie reinterpretazioni. Osate! Beteavon!

 

Ingredienti
Pensato come antipasto, da distribuire
su sette piattini o su un unico piatto grande

250 grammi di ceci neri
1 ½ bicchiere d’acqua
¾ bicchiere d’olio
di semi di girasole
1 limone
1 cucchiaio di sale
1 cucchiaino scarso
di cumino
1 spicchio d’aglio rosso
2 cucchiai di salsa tahini nera
semi di sesamo tostati
petali di rosa commestibili

Odessa città ebraica. Poi la Lucania di Carlo Levi

Viaggi

di Annie Sacerdoti e Terry Finzi
I viaggi del Nuovo Convegno. Isaak Babel la chiamava “la città fatta dagli ebrei”.  Oggi Odessa conta due sinagoghe, un centro culturale e un museo.
Il secondo viaggio riscopre invece l’eredità dell’artista-scrittore, Matera e le catacombe di Venosa.

Svolte a Budapest le Maccabiadi 2019

Mondo

di Ilaria Ramazzotti
Duemila e 300 giovani atleti di quarantadue Paesi diversi hanno partecipato alle Maccabiadi 2019, svoltesi a Budapest dal 31 luglio al 7 agosto. I giochi di quest’anno hanno offerto una ventina di specialità sportive.

Polonia, il ritorno

Giovani

di Nicolas Nemni
“Cosa farai per il tuo trentesimo compleanno?” Ed io: “Non ho dei programmi precisi. Penso di andare in Polonia a visitare ghetti e campi di sterminio”.

Menu