Mosaico
martedì 26 gennaio 2016
Giorno della Memoria

Giorno-della-memoria-2016Pubblichiamo qui di seguito gli eventi che si terranno in occasione del Giorno della memoria.

MARTEDì 26 GENNAIO
Ore 15.00
, Sala Napoleonica Università degli Studi di Milano, via Sant’Antonio 10. Convegno su Alexander Safran, già Rabbino Capo di Romania. Evento organizzato dal Centro di Judaica Goren Goldstein.
Università degli Studi di Milano – Sala Napoleonica – 26 e 27 Gennaio 2016
Facoltà di Teologia di Lugano – Aula Multiuso – 28 Gennaio 2016
Alexandre Safran (1910 -2006)
Studioso, guida spirituale, figura di punta nel salvataggio degli ebrei rumeni. (Per il programma completo clicca QUI)

MARTEDì 26 GENNAIO
Ore 18.30
allo spazio SEICENTRO in via Savona 99, Milano, Musica e Parole per la Memoria dei Giusti, con Miriam Camerini, Bruna Di Virgilio, Andrea Gottfried

MARTEDì 26 GENNAIO
Spettacolo teatrale “Der Doktor”

ore 21.00 Teatro Wagner, piazza R. Wagner 2 – Milano
In occasione del “Giorno della Memoria” delle vittime della Shoah, andrà in scena lo spettacolo “Der Doktor, Etty e Ruth”. Un testo originale e inedito, per ricordare i milioni di vittime della follia nazifascista degli anni ’40. La regia è di Emanuele Drago, le musiche originali di Piero Chianura, la compagnia Progetto4 Milano, collettivo di artisti milanesi.

MERCOLEDì 27 GENNAIO
L’Associazione Figli della Shoah, la Comunità ebraica di Milano, il Conservatorio Verdi di Milano, la Fondazione CDEC e il Memoriale della Shoah di Milano invitano a “Dalla Shoah al ritorno alla vita. Parole, musiche e silenzi”. Sala Verdi del Conservatorio, ore 20.00

A cura dell’Associazione Figli della Shoah, si svolgono i seguenti incontri:
XVI GIORNO DELLA MEMORIA
27 gennaio 2016 ore 10.30
Testimonianza di Liliana Segre
Teatro Arcimboldi di Milano
Diretta Streaming sul sito del Corriere della Sera.
www.corriere.it

27 gennaio 2016 ore 10.30
Scuola Ebraica di Milano
Testimonianza di Goti Bauer
(riservato agli alunni della Scuola ebraica)

27 gennaio 2016 ore 10.30
Conservatorio G. Verdi di Milano
Testimonianza di Franco Schonheit

10 febbraio 2016 ore 10.30
Conservatorio G.Verdi di Milano.
Testimonianza di Sami Modiano

FINO A MERCOLEDÌ 27 GENNAIO 2016
il Memoriale della Shoah di Milano aprirà le sue porte a tutti i cittadini interessati a scoprire questo luogo unico in Europa, in quanto il solo teatro delle deportazioni ad essere rimasto intatto. In questi giorni di apertura al pubblico, si potranno effettuare visite sia guidate che libere dalle ore 10.00 alle 18.30. Per ciascuna tipologia di visita, è vivamente consigliata la prenotazione attraverso la piattaforma www.ticketone.com, dove sarà possibile selezionare la fascia oraria desiderata. Nei giorni dell’evento e compatibilmente con la capienza e con le prenotazioni già pervenute, sarà comunque possibile riservare le visite anche in loco, nelle fasce orarie rimaste disponibili. La visita è gratuita, fatto salvo il costo di gestione della prevendita TicketOne, pari a 1,50 €.

FINO A FINE FEBBRAIO
Memoriale della Shoah all’interno dello Spazio Mostre Bernardo Caprotti, sarà possibile visitare la mostra “Dalle leggi antiebraiche alla Shoah”, organizzata dalla Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea e allestita dagli architetti Guido Morpurgo e Annalisa de Curtis. La mostra è dedicata alle persecuzioni antiebraiche, agli eventi storici generali e alle vicende personali vissute nell’Italia del regime fascista e dell’occupazione tedesca, riportate alla memoria attraverso l’esposizione dei testi delle leggi persecutorie, dei diari delle vittime e di lettere, fotografie e pubblicazioni originali dell’epoca.

 

MERCOLEDì 27 GENNAIO
Ore 18.00, Sistema Bibliotecario Milano, gli INCONTRI CON L’AUTORE,
Via Valvassori Peroni 56, Esther Fintz Menascé, eccezionale appassionata testimone di momenti di storia ebraica. Esposizione con letture, immagini,
canzoni. Introducono un rappresentante dell’Associazione Scuola
Stoppani e Alberta Bezzan della Fondazione Centro di
Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano
CDEC-onlus. L’incontro si inserisce all’interno del progetto
“La memoria degli archivi scolastici. Recupero e
valorizzazione dell’archivio storico dell’Istituto Comprensivo
Antonio Stoppani” dell’Associazione Scuola Stoppani.

MERCOLEDì 27 GENNAIO
Ore 11.00, presso la Scuola di Via della Spiga (ingresso di Via Santo Spirito 21) si terrà una cerimonia per il posizionamento di una targa ricordo del periodo durante il quale la Scuola stessa ha ospitato una sezione pomeridiana, frequentata esclusivamente da bambini ebrei, esclusi per le leggi razziali dalla frequenza nelle normali scuole pubbliche.

MERCOLEDì 27 GENNAIO
Giorno della memoria, nella biblioteca di Philippe Daverio in piazza Bertarelli  4 dalle 18.00 alle 21.00. L’arte contemporanea è drammaticamente priva di coscienza, vive la sua allegria sul bordo del precipizio della storia.
Ma non tutta per fortuna.
Giorgio Celiberti, uomo del mediterraneo, di quella tribù mista che è il mediterraneo, e che parla come nella lastra della Ziza  greco e latino, ebraico e arabo, Giorgio Celiberti pugliese del Friuli, mediterraneo e carnico, se lo ricorda, ce lo ricorda. Tanti anni orsono ebbe l’occasione di visitare Theresienstadt, il campo dove la crudeltà si mescolò con l’illusione, e ne rimase sconvolto. Per trent’anni ha lavorato sul tema, dipingendo, disegnando, scolpendo. E’ ora egli nel fiore dei suoi maturi ottant’anni e ha voluto testimoniare. Abbiamo pensato, per mantenere la memoria e per trasmetterla, di testimoniare la sua testimonianza. La mostra rimarrà aperta anche giovedì 28 e venerdì 29 dalle 17.00 alle 20.00

GIOVEDì 28 GENNAIO
Presso la Casa della Cultura in via Borgogna 3 alle ore 11.00 il  CDEC, Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea in collaborazione con la Comunità Ebraica di Milano presentano il “Rapporto nazionale sull’antisemitismo”. Saranno illustrati i principali casi di antisemitismo in Italia, con uno speciale focus su quanto emerge da Facebook. Sarà poi presentata una panoramica dedicata all’antisemitismo in Europa. Interverranno: Betti Guetta (responsabile del settore Osservatorio Antisemitismo del Cdec), Stefano Gatti (Responsabile dell’Antenna Antisemitismo) e Davide Romano (Assessore alla Cultura della Comunità ebraica di Milano).

GIOVEDì 28 GENNAIO
Ore 18.30, Centro Ceco di Milano (via G.B. Morgagni 20).
Incontro al alle ore 18.30 con Helga Weiss-Hošková, un’autrice ceca di origine ebraica che ha raccolto le sue memorie dei campi di concentramento nel libro “Il diario di Helga” (2014, Einaudi). Questo libro verrà presentato durante l’incontro con l’autrice, che vedrà anche la partecipazione di prof. Alessandro Vitale di Dipartimento di studi internazionali di UNIMI. L´evento è organizzato dal Centro Ceco di Milano.  “Il diario di Helga” è una testimonianza sull’orrore del nazismo, un volume scritto da Helga Weiss-Hošková quando era ancora una ragazza e cercava di sopravvivere nei campi di concentramento di Terezin e Auschwitz. Una testimonianza tremenda ma sempre attuale.

GIOVEDì 28 GENNAIO
Senago (MI) ore 21.00, via Repubblica 7, ingresso libero. Il progetto TEMPO SCADUTO – NOTE SALVATE propone un viaggio attraverso le opere di grandi compositori ebrei del ‘900 in cui la musica classica si intreccia a temi popolari, chassidici, klezmer, tradizionali ebraici. Il recital è composto dall’esecuzione dei brani per l’insolito trio violino, corno e pianoforte, accompagnata da letture e racconti. Voce recitante Miriam Camerini.

DOMENICA 31 GENNAIO
Ore 16.00, Memoriale della Shoah: il Memoriale ospiterà lo spettacolo teatrale “Che non abbiano fine mai…” di Eyal Lerner, dedicato alla storia e alla cultura ebraiche, ma soprattutto alla tragedia della Shoah. Per assistere allo spettacolo è richiesta la prenotazione, al costo di 5 euro comprensivi di prevendita, attraverso il sito Ticketone, che offrirà la possibilità di scegliere il posto in pianta.

Ore 18.00, Memoriale della Shoah: incontro dal titolo “Porte chiuse, porte aperte”, organizzato da Comunità di Sant’Egidio e Comunità Ebraica di Milano, a cui parteciperanno Liliana Segre e i profughi ospitati dal Memoriale nel 2015, i quali racconteranno le loro testimonianze.

FINO AL 31 GENNAIO
La Compagnia Teatrale Chronos3 vi invita, dal 25 al 31 gennaio 2016 al Teatro Libero, a vedere lo spettacolo Testastorta– la storia inventata, tratto dal romanzo “Testastorta” di Nava Semel. Drammaturgia di Tobia Rossi. Regia di Manuel Renga. Con Alessandro Lussiana e Valeria Perdonò
Info: www.compagniachronos3.wix.com/compagniachronos3

 

DOMENICA 7 FEBBRAIO
ore 9.00, Memoriale della Shoah: incontro “Medicina e Shoah. Dalle politiche razziste dell’800 alla bioetica”, organizzato dall’Associazione Medica Ebraica in collaborazione con il CDEC e la Fondazione Memoriale della Shoah di Milano. Nel corso della mattinata, presentata da Michele Sarfatti e moderata da Giorgio Mortara, interverranno Antonio Pizzutti dell’Università Sapienza di Roma, Marcello Buiatti del Centro Interuniversitario di Filosofia dell’Università di Firenze, Marcello Pezzetti della Fondazione Museo della Shoah di Roma e Laura Boella dell’Università Statale di Milano.

LUNEDÌ 8 FEBBRAIO
ore 18.00, Memoriale della Shoah: presentazione del libro “Un amore ad Auschwitz. Edek e Mala: una storia vera” (UTET) di Francesca Paci, che dà voce a Edek e Mala: un giovane prigioniero politico polacco e una ragazza ebrea bella e vitale che s’innamorano nel campo di sterminio di Auschwitz. Una storia d’amore, ma anche di lotta, solidarietà e speranza, inspiegabilmente e ingiustamente dimenticata, che la giornalista Francesca Paci ricostruisce per la prima volta in tutti i suoi aspetti grazie a documenti dell’archivio del museo statale di Auschwitz e testimonianze dirette dei sopravvissuti. L’autrice ne parla con Marcello Pezzetti, Direttore del Museo della Shoah di Roma. In collaborazione con l’Associazione Figli della Shoah.

Fino al 28 FEBBRAIO
In via Corti 12,
 presso l’Area di Ricerca Uno del Consiglio Nazionale delle Ricerche, nell’ambito delle celebrazioni del Giorno della memoria, mostra “Auschwitz – I luoghi della memoria” del fotografo Enzo Catalano, allestita dal Comitato Unico di Garanzia del CNR (CUG).

ROMA
Giorno della Memoria 2016
TOSCANINI: IL CORAGGIO DELLA MUSICA

Per il Giorno della Memoria ritorna lo straordinario concerto
diretto da Arturo Toscanini ottant’anni fa a Tel Aviv
per inaugurare la Palestine Orchestra, la prima orchestra ebraica del mondo

27 gennaio 2016 ore 20.30
Auditorium Parco della Musica di Roma – Sala Santa Cecilia

Nel Giorno della Memoria rivive la straordinaria esperienza della Palestine Orchestra, la prima orchestra ebraica del mondo, che nel suo concerto inaugurale il 26 dicembre 1936 a Tel Aviv, fu diretta da Arturo Toscanini. Ottant’anni dopo, tocca al maestro Yoel Levie alla Filarmonica Arturo Toscanini rendere omaggio alla commuovente storia di quei musicisti riproponendo lo stesso programma di quella storica serata.

Un evento unico che avrà luogo  con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica italiana e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il concerto – organizzato nel Giorno della Memoria per il terzo anno consecutivo da Viviana Kasam e Marilena Citelli Francese e promosso dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia – è gratuito e sarà trasmesso in diretta e in videostreaming da Rai 5. Poiché ci sarà la diretta Rai e saranno presenti autorità istituzionali, si chiede cortesemente al pubblico di prendere posto in sala entro le ore 20.15.

Insieme alla Filarmonica Arturo Toscanini suoneranno tre solisti della Israeli Philarmonic Orchestra (IPO), nata nel 1948 quando la Palestine Orchestra (PO) cambiò nome in seguito alla dichiarazione di indipendenza dello Stato di Israele: tra questi, il contrabbassista Gabriel Volé, nipote di Jacob Surowicz, uno dei più stretti collaboratori di Toscanini, che suonò con lui il 26 dicembre 1936. Yoel Levi – che già diresse la Filarmonica Arturo Toscanini alla Scala di Milano nel memorabile concerto dedicato al Maestro nel 2008 – è stato il primo israeliano ad essere nominato Principal Guest Conductor della IPO.

La storia della Palestine Orchestra, che sarà raccontata dall’attore Umberto Orsini, è uno straordinario esempio di coraggio e determinazione: creata da uno dei più celebri virtuosi degli anni ’30, Bronislaw Huberman, permise a 70 musicisti ebrei, e alle loro famiglie, di avere salva la vita scampando dall’orrore delle leggi razziali e delle persecuzioni. Huberman, famoso violinista polacco, nel 1934 concepì l’idea, all’epoca rivoluzionaria, di creare la prima orchestra al mondo di musicisti ebrei: dedicò due anni della sua vita a girare il mondo per promuovere audizioni a musicisti ebrei e cercare i fondi. A New York fu aiutato anche da Albert Einstein, che organizzò un fund raising nel prestigioso albergo Wardolf Astoria per finanziare l’orchestra, e incontrò Arturo Toscanini che si impegnò a dirigere il primo concerto a Tel Aviv, senza accettare alcun compenso, ed anzi pagandosi da sé viaggio e soggiorno.

L’impegno etico e antifascista di Toscanini è una pagina non abbastanza nota della sua carriera, e il gesto altamente simbolico di dirigere la Palestine Orchestra fu la conclusione di un profondo impegno contro le persecuzioni razziali che lo portò a autoesiliarsi in America per protesta contro i soprusi del regime fascista, e a rifiutare la prestigiosa conduzione del Festival di Bayreuth nel 1933, nonostante una lettera personale di Hitler che lo pregava di cambiare idea. Quando nel 1936 accettò di dirigere gratuitamente la Palestine Orchestra la forza della sua azione acquisì un’eco mondiale, al concerto intervennero 3.000 persone, fu trasmesso per radio in tutto il mondo, e Toscanini portò negli anni successivi in tournée la Palestine Orchestra per farla conoscere.

Durante il concerto saranno proiettati su grande schermo spezzoni di “Orchestra of Exiles”, del regista Josh Aronson, il film che racconta la storia della Palestine Orchestra, oltre a fotografie e documenti d’epoca tra i quali una rara immagine di Einstein con Huberman.

Il concerto vuole rappresentare un omaggio al grande direttore italiano Toscanini e vuole dare un messaggio di speranza in un momento particolarmente cupo della storia recente. Esiste la possibilità di ribellarsi al male, di salvare persone perseguitate, di non aderire alle ideologie imperanti, tenendo fede ai propri valori etici.

Per celebrare la dignità dell’uomo e dell’arte, il 22 gennaio nei giardini dell’Auditorium Parco della Musica è stato piantato un albero per Toscanini e una stele in memoria del suo impegno contro le dittature, in collaborazione con l’Associazione Gariwo, la foresta dei Giusti.

L’evento chiude la trilogia dedicata a Musica e Memoria all’Auditorium Parco della Musica di Roma, dopo i due trionfali concerti “I violini della Speranza” nel 2014 e “Tutto ciò che mi resta” nel 2015. INFO:  02 7000 6237

 

 

Collezione Gianfranco Moscati – Svizzera
In occasione della Giornata della Memoria 2016, la Collezione Gianfranco Moscati sarà presente con tre esposizioni ed un incontro organizzati da Aimaproject SA tra la Provincia di Varese e Lugano. Il primo appuntamento è presso la sala polifunzionale del Comune di Bisuschio (VA) con l’esposizione “Propaganda Degenerata – l’arte tra persecuzione e propaganda dalla Collezione Gianfranco Moscati” aperta tutti giorni, fino al 5 febbraio 2015.
Martedì 26 gennaio 2016
inaugurerà presso la sala comunale del Municipio di Stabio (CH) l’esposizione documentaria “Per non dimenticare la Shoah- Documenti e immagini dalla collezione Gianfranco Moscati”, che resterà aperta tutti i giorni fino al 5 di febbraio.
Dal 27 di gennaio al 5 di febbraio, sempre a Stabio (CH), sarà inoltre aperta al pubblico la mostra “JUIF-JUDE-EBREO-Antisemitismo oltre confine”, visitabile su appuntamento.
Per maggiori informazioni:
events@aimaproject.com
Cel: +39 328 5755087.