I fondatori di Riskified, start-up israeliana contro le truffe sui pagamenti

Una nuova start-up israeliana contro le truffe nell’e-commerce

Tecnologia

di Nathan Greppi
Immagina che stai facendo compere su internet, clicchi per fare il check-out ma la tua transazione viene rifiutata: è per impedire certe eventualità che è nata Riskified, una nuova start-up di Tel Aviv.

Secondo il Jerusalem Post, Riskified è nata per analizzare le transazioni eseguite con carte di credito per conto di rivenditori nell’e-commerce, al fine di identificare e bloccare hacker e truffatori. Questa compagnia può annoverare, tra le sue migliaia di clienti, grosse aziende quali Burberry, Macy’s, Footlocker e Giftcards.com.

Molti venditori di questi tempi sono scettici ad accettare alcune transazioni, soprattutto a causa di possibili truffe. A causa di queste ultime, spesso le compagnie decidono di non accettare più transazioni da intere località. “Ci siamo accorti che la paura delle frodi porta i commercianti a lasciare i soldi sul tavolo,” ha dichiarato Assaf Feldman, amministratore delegato e co-fondatore di Riskified. “Essi hanno paura di accettare brutte transazioni, il che li porta a rifiutare anche molti buoni clienti.”

Riskified vuole aggiornare i sistemi di verifica di molte aziende, che a causa di truffe in passato hanno perso anche milioni di dollari. Per farlo, intende usare l’intelligenza artificiale per monitorare il singolo consumatore in base a come si muovono nel sito, portando a una maggiore accuratezza nelle transazioni. “Mettiamo che qualcuno guardi le politiche di restituzione di un sito,” ha detto Feldman. “In tal caso hanno meno probabilità di essere dei truffatori, poiché di solito intendono rivendere i prodotti rubati. Inoltre, se qualcuno entra nel sito, selezione i prodotti dal più al meno costoso, lo aggiunge al carrello e va subito al check-out, quello può essere un comportamento sospetto”.

Israele è molto all’avanguardia nell’individuare truffatori nel campo dell’e-commerce. Questo perché  molti esperti di tecnologia hanno affinato le proprie abilità in certi settori dell’esercito. Molti dei dipendenti di Riskified sono ex-membri dei servizi segreti, compreso il co-fondatore Eido Gal. Attualmente la compagnia da lavoro più di 200 persone, di cui circa 130 vivono a Tel Aviv e gli altri nella sede di New York. Ad oggi, essa ha guadagnato 63,7 milioni di dollari.

Nei cinque anni trascorsi dalla sua fondazione, la compagnia si è resa conto che molte transazioni fraudolente si verificano dopo che degli hacker hanno ottenuto migliaia di informazioni da carte di credito rubate. Con tali dati, un uomo può cliccare sul sito di Burberry, comprare prodotti di lusso e rivenderli altrove. Ironicamente, spesso rubare informazioni su carte e conti in banca può essere più proficuo e meno complesso che rivendere le merci. Per prevenire tali problemi, Feldman suggerisce di controllare regolarmente la situazione delle nostre carte di credito e contattare subito i gestori se riscontriamo anomalie.

Menu