Bottiglie di SodaStream

PepsiCo acquisisce l’israeliana SodaStream per 3,2 miliardi di dollari

Economia

di Redazione
PepsiCo Inc., il gigante statunitense di bevande, cibo e snack, ha acquistato l’israeliana SodaStream per 3,2 miliardi di dollari in contanti.

In una dichiarazione di lunedì 20 agosto, la società americana ha dichiarato di aver acquistato tutte le azioni in circolazione di SodaStream per $144 per azione in contanti, un premio del 32% sul prezzo medio ponderato per il volume di 30 giorni.

SodaStream, fondata nel 1991, produce e vende macchine seltzer per uso domestico. Le macchine alte un metro e mezzo trasformano l’acqua in seltzer in 30 secondi. L’azienda commercializza anche dozzine di gusti mix-in, come cola, ginger ale, lime-lime e punch alla frutta. I suoi 3.500 dipendenti producono circa 500.000 dispositivi al mese, venduti in 46 paesi in tutto il mondo.

“Oggi segna un’importante pietra miliare nel percorso SodaStream”, ha dichiarato Daniel Birnbaum, CEO di SodaStream. “È la convalida della nostra missione di portare soluzioni di bevande salutari, convenienti e rispettose dell’ambiente ai consumatori di tutto il mondo.”

Il team di SodaStream avrà accesso alle capacità e alle risorse di PepsiCo per portare l’impresa a “il livello successivo”, ha affermato.

L’acquisizione è stata approvata all’unanimità dai consigli di amministrazione di entrambe le società. La transazione è soggetta a un voto degli azionisti SodaStream, alcune approvazioni normative e altre condizioni consuetudinarie, e la chiusura è prevista entro gennaio 2019.

L’acquisizione è la più grande di PepsiCo in otto anni, secondo Bloomberg. La società israeliana, le cui azioni scambiate sul Nasdaq sono aumentate del 123% negli ultimi 12 mesi, secondo i dati compilati da Bloomberg, le entrate previste per il 2018 aumenteranno di circa il 23% su base annua. L’acquisto di SodaStream risponde alla volontà di PepsiCo di far fronte alla domanda in calo di bevande analcoliche, nonché alla crescente attenzione alla sostenibilità da parte dei consumatori, preoccupati per il montaggio di rifiuti di lattine di soda e plastica nelle discariche in tutto il mondo. SodaStream impiega invece bottiglie riutilizzabili e utilizza l’acqua del rubinetto di casa.

SodaStream, un’isola di pace (nonostante il BDS)

L’azienda israeliana è stata per anni al centro degli appelli al boicottaggio del movimento BDS a causa della presenza della sua fabbrica in Cisgiordania, a Mishor Adumim. Come non ricordare la polemica scoppiata intorno Scarlett Johansson, volto commerciale dell’azienda israeliana?

Eppure, nello stabilimento lavoravano fianco a fianco israeliani e palestinesi: alla base la volontà del suo fondatore, Daniel Birnbaum, di creare una “isola di pace“, fatta di collaborazione e uguaglianza, dove su 1300 lavoratori 500 erano palestinesi della zona, 350 ebrei israeliani e 450 arabi israeliani.

Con il suo spostamento a Idan Hanegev, vicino a Rahat, nel deserto del Negev – deciso proprio in seguito alle polemiche – circa 500 impiegati palestinesi hanno perso il permesso di lavoro, ma a 74 dipendenti è stato dato il ​​permesso di entrare nel paese e continuare a lavorare per SodaStream, portando avanti la convivenza e cooperazione. Emblematica è la festa organizzata nel febbraio del 2016  a cui hanno partecipato ebrei, beduini e arabi, per ribadire la volontà di dialogo e convivenza, a solo una settimana dall’accoltellamento, nella stessa Rahat, di una donna israeliana da parte di un giovane palestinese.

Il rifiuto del governo israeliano di prolungare il permesso di lavoro a queste persone ha suscitato non poche critiche da parte del ceo di SodaStream Birnbaum, che ha accusato l’ufficio del premier Netanyahu di bloccare deliberatamente i permessi per i lavoratori palestinesi e di negare il trasloco della compagnia a causa della pressione del boicottaggio.

Menu