La scuola intitolata ad Anna Frank: la decisione dei ragazzi

News

Non è mai banale che una scuola venga intitolata ad Anna Frank, ma se la scelta del nome è fatta da un gruppo di ragazzi tra i 9 e i 12 anni, che fanno parte del “Consiglio Comunale dei Ragazzi”, allora la notizia fa ancor più piacere.

Il Comune di Trezzano sul Naviglio ha inaugurato il nuovo Asilo Nido Anna Frank, invitando alla cerimonia il co-Presidente Milo Hasbani e la Coordinatrice Claudia Bagnarelli, in rappresentanza della Comunità Ebraica, che sono stati accolti con grandissima cordialità e stima, e con i quali hanno voluto condividere la scelta dei ragazzi.

Erano presenti molti rappresentanti ed autorità locali e, a turno, tutti hanno voluto sottolineare il senso, profondo e molto sentito, di questa vicinanza alla giovane vittima della Shoah. È anche stato letto un messaggio inviato dalla senatrice Liliana Segre.

La bella cerimonia si è conclusa, all’interno dell’Asilo Nido, con l’ascolto di alcuni brani musicali eseguiti con il “violino della Shoah” appartenuto a Eva Levi, scomparsa ad Auschwitz, e ritrovato dall’Ing. Carutti.

Milo Hasbani e Claudia Bagnarelli, in conclusione dell’incontro, hanno invitato i ragazzi a visitare la Scuola ebraica e a  pensare insieme altre iniziative  di reciproca conoscenza.

 

FOTO (al centro):
Il sindaco di Trezzano s/Naviglio Fabio Bottero

La vice Sindaca della Città Metropolitana Arianna Censi
La Sindaca del Consiglio Comunale dei Ragazzi Eleonora Malerba
Milo Hasbani e Claudia Bagnarelli

 

 

Articolo precedente
Vuoi fare l’Aliyà? Ti serve un approccio pragmatico, il sogno sionista non basta. Ecco le istruzioni per l’uso
Articolo successivo
Comunità e Forze Armate: una cerimonia di ringraziamento

1 Commento. Nuovo commento

[…] Greppi I giovani giocano un ruolo chiave nel tramandare la memoria: a provarlo nuovamente, dopo l’intitolazione di un asilo ad Anna Frank, è stato il contributo dei giovani all’inaugurazione di un nuovo Giardino dei Giusti a San […]

Menu